Futuro della Costa Smeralda e viabilità, il sindaco Ragnedda incontra il Tavolo delle associazioni della Gallura

I temi sul tavolo dei rappresentanti del territorio.

Il sindaco del Comune di Arzachena, Roberto Ragnedda, e il presidente del Consiglio comunale, Rino Cudoni, hanno incontrato ieri il Tag, Tavolo delle associazioni Gallura, che riunisce le sigle sindacali e imprenditoriali territoriali il cui coordinatore pro tempore è Filippo Sanna. Costa Smeralda e viabilità, con la strada Olbia-Arzachena-Palau in primo piano, sono i temi principe affrontati durante l’incontro. Tutte le parti concordano anche sull’opportunità di portare avanti azioni forti, se necessario a garantire l’avanzare delle vertenze in tempi celeri e sostenibili.

Il primo cittadino ha confermato l’importanza di essere uniti nelle battaglie sui grandi temi che interessano il territorio. In particolare, riferendosi ai rapporti con i portavoce del Qatar in Sardegna, ha dichiarato: “Fin dal nostro insediamento abbiamo avuto un atteggiamento propositivo e di apertura verso gli interlocutori del Qatar. Abbiamo subito cercato il dialogo. Questo è un territorio che deve crescere in modo unitario, senza divisioni e con un modello che valorizzi le bellezze paesaggistiche in modo sostenibile, basandosi anche sulla storia e l’identità di questi luoghi, lasciando da parte speculazioni fini a se stesse. Noi abbiamo ben chiaro in mente questo modello di sviluppo: è un modello che prevede la creazione di servizi, di infrastrutture, con la viabilità come priorità, e opportunità di alta formazione per giovani e professionisti. Ridurre le distanze e stimolare il dialogo con la Regione e con il Qatar è tra le nostre priorità”.

Il presidente del Consiglio comunale Rino Cudoni è intervenuto ribadendo come l’amministrazione creda con forza nella collaborazione con il Tag. “Abbiamo puntato molto su questo incontro. Sapere che, tramite voi, al nostro fianco ci sono tutte le aziende del territorio, darà ancor più peso alle battaglie per la realizzazione di infrastrutture e servizi e per lo sviluppo integrato della zona. La vostra esperienza è importante ed è giusto che siate ascoltati da tutti gli interlocutori interessati a questi grandi temi. Arzachena è la Costa Smeralda. La storia di questo territorio è unica, riguarda tutti noi, ed è una storia che va conosciuta prima di intraprendere qualsiasi azione”.

I componenti del Tag sono intervenuti così all’incontro. Gino Salaris, presidente Confapi Gallura ha detto: “Vogliamo migliorare il sistema economico della Gallura e tutelare il nostro territorio. Per questo è giusto confrontarci con il Comune di Arzachena ed essere al suo fianco”.

“Ringrazio il Comune per l’opportunità di confronto concessa oggi. Ribadiamo la volontà di collaborare e affiancare l’Ente pubblico nelle sue e nostre battaglie. Non vogliamo agire solo come rappresentanti del nostro comparto, ma avere anche un ruolo propositivo per nuovi progetti come è stato per Città di Paesi”, è il commento di Filippo Sanna, dell’associazione generale cooperative italiane.

Mirko Idili, segretario Cisl, ha ribadito che “la presenza del Qatar sul territorio con il Mater, Meridiana e le strutture in Costa Smeralda sono un investimento “a sistema” che incontra i favori del sindacato Cisl e del tavolo delle associazioni che rappresentiamo. Ma a differenza di Mater e Meridiana, sugli investimenti in Costa è tutto ancora troppo nebuloso e questo, ad oggi, crea incertezze. Dobbiamo sfruttare al meglio le potenzialità di un tale investimento. E per far questo ci vuole un dialogo molto aperto con gli interlocutori del Qatar. Facciamo un appello al sindaco affinché sia un facilitatore di rapporti con il comparto produttivo e sindacale e l’amministrazione comunale, ovviamente”.

Ha concluso Federico Fadda, segretario per Confartigianato: “Siamo qui oggi perché dobbiamo affrontare insieme temi di ampio respiro. Da tempo ci siamo resi conto che da sola nessuna sigla o azienda può andare avanti, ma ha bisogno di collaborare e fare rete per il bene degli associati e del territorio. Su temi così importanti dobbiamo lavorare uniti e fissare una agenda di incontri per iniziare, punto per punto, ad affrontare le singole tematiche”.

Al termine dell’incontro, sono state concordate diverse iniziative tra cui la convocazione di un Consiglio comunale aperto che coinvolga anche le amministrazioni comunali di Olbia, Tempio, Palau e del territorio limitrofo al fine di promuovere azioni comuni destinate alla sensibilizzazione del governo regione e nazionale sulle tematiche riguardanti le tematiche di cui sopra.