Arzachena, imbratta i muri di casa dell’ex moglie e buca le ruote al nuovo compagno: arrestato per stalking

carabinieri olbia

Arrestato per stalking dai carabinieri.

Prima ha imbratatto i muri dell’abitazione dell’ex moglie con scritte offensive. Poi, ha cosparso di liquido infiammabile e bucato le ruote dell’auto del nuovo convivente della donna. Una situazione al limite, che ha portato i carabinieri della stazione di Arzachena ad arrestare, ieri pomeriggio, M.M., un 43enne con precedenti, con l’accusa di atti persecutori e danneggiamento nei confronti dell’ex moglie e del compagno. L’arresto è stato eseguito a seguito di una nuova ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari, emessa dal GIP del Tribunale di Tempio Pausania, su richiesta del PM, che ha concordato con l’attività investigativa dei carabinieri.

I fatti hanno avuto inizio nel mese di gennaio dell’anno in corso, quando l’uomo ha sporcato i muri dell’abitazione della ex con scritte offensive. Non soddisfatto, ha cosparso anche di liquido infiammabile e forato gli pneumatici dell’autovettura del convivente della donna. Dopo pochi giorni, i carabinieri hanno denunciato a piede libero l’uomo richiedendo l’emissione di un’adeguata misura cautelare. L’autorità giudiziaria ha disposto inizialmente la misura degli arresti domiciliari, per poi trasformarla nel meno grave divieto di avvicinamento. Divieto che, nei giorni scorsi, sarebbe stato disatteso. Secondo quanto riferito, l’uomo avrebbe avvicinato nuovamente la coppia i primi giorni di giugno, minacciandoli. E’ stato così nuovamente portato nella propria abitazione in regime di arresti domiciliari.