Porto San Paolo, una vera sorpresa per i turisti

Non solo mare, anche storia e natura.

La storia di Porto San Paolo parte da molto lontano. In età medievale erano presenti alcune comunità, come testimonia la chiesa presente in località Santa Giusta, sede di culto del Giudicato di Gallura. In tempi più recenti è stato abitato da pescatori. Ma ultimamente ha decisamente e drasticamente cambiato faccia. Porto San Paolo ha conosciuto infatti negli ultimi anni un forte sviluppo turistico, che di colpo ha trasformato la piccola comunità in un centro dotato di tutti i servizi a disposizione del turista e del visitatore. Situato in una posizione geografica molto fortunata, a due passi dalla città di Olbia, ed è inserito su di un tratto di costa tra i più belli della Sardegna, che comprende tra l’altro il parco marino di Tavolara Coda Cavallo e molti altri tesori paesaggistici, è oggi uno dei luoghi più apprezzati.

Tanto mare, tanto sole ma anche tanta storia: il territorio di Porto San Paolo, oltre a dividere con Olbia e San Teodoro un tesoro di inestimabile valore come l’area marina protetta di Tavolara Punta Coda Cavallo, è caratterizzato anche da molti piccoli centri caratteristici e di grande valore storico e architettonico. Tra le frazioni principali rivestono particolare interesse Santa Giusta, Enas, Trudda, Montilittu, Azzanì, Zappallì.

Sicuramente il paese è piccolo e la sua vocazione turistica l’ha scoperta solo di recente. Però, per quanto riguarda la sua collocazione geografica, difficilmente ne esistono di migliori: Porto San Paolo infatti si estende su di un tratto di costa tra i più suggestivi della Sardegna, che abbraccia il parco marino di Tavolara Coda Cavallo, e che regala la possibilità di ammirare da vicino lo spettacolare panorama dell’isola di Tavolara.

Tra le spiagge più belle, tutte piccole ma caratterizzate da basse scogliere in granito rosa, si segnalano Punta Don Diego e Costa Dorata, site a sud, e Costa Corallina con un piccolo ma attrezzato porto, più a nord.

Note sull'Autore

Matteo Cunegatti
Matteo Cunegatti