I dolci tipici e tradizionali del Natale in Sardegna

Su Pan’e Saba e i famosi papassini.

Una delle tradizioni più belle del Natale in Sardegna, che molte famiglie ancora conservano, è la preparazione dei dolci tipici sardi.
Immagine correlataSu Pan’e Saba, ovvero il Pane di Sapa, è un dolce invernale da forno di antichissima tradizione sarda, preparato per queste occasioni speciali.
Questo è un dolce della tradizione sarda, e infatti nel passato era un “pane” impastato con la saba che lo rendeva dolce e quindi poteva essere consumato alla fine del pasto. Ogni zona della Sardegna ha la sua ricetta tradizionale perché veniva arricchito con dei prodotti locali come noci, nocciole, uva passa e aromi come scorza di limone o arancia e semi d’anice. Per chi non lo sapesse la sapa si ottiene dal mosto d’uva che viene fatto bollire per circa 8-10 ore a fuoco lento finché non diventa uno sciroppo denso e di colore scuro.

Immagine correlataOltre Su Pan’e Saba abbiamo anche i papassini chiamati anche pabassinos, papassinos ma la sostanza non cambia: sono come dei grossi biscotti preparati con un impasto di pasta frolla, uva passa, mandorle, noci, scorza di limone grattugiata, miele. Questi dolci sono arricchiti con frutta secca e decorati con glassa di zucchero, a cui devono il loro nome alla papassa o pabassa, ossia l’uvetta sultanina di cui sono ricchi. Poi si creano dei rombi che dopo cotti verranno ricoperti di una golosa glassa e codette colorate. In ogni zona della Sardegna, infatti, si preparano con piccole varianti, specialmente negli aromi. Alcuni aggiungono nell’impasto la saba, ossia il vincotto, altri la cannella o il liquore all’anice.  Addirittura qualcuno prepara i papassini anche senza uova , proprio perché in tempo di povertà le uova venivano riservate all’alimentazione di tutti i giorni.

(Visited 232 times, 1 visits today)

Note sull'Autore