Al via la realizzazione di un nuovo serbatoio d’acqua a Loiri Porto San Paolo

L’investimento è di 550mila euro.

I lavori sono stati già affidati, si aspetta solo l’apertura dei cantieri per la realizzazione del serbatoio di accumulo che compenserà le punte di consumo giornaliero nella stagione a più alta frequenza turistica, in modo da eliminare i disservizi dovuti a carenza idrica nella frazione costiera di Porto San Paolo.

Nello specifico è prevista la realizzazione di un nuovo serbatoio di accumulo compreso di opere accessorie di regolazione e collegamento con infrastrutture acquedottistiche esistenti e di telecontrollo integrato con il sistema utilizzato dal gestore. Contestualmente avverrà il collegamento alla rete idrica esistente. Il progetto di Loiri Porto San Paolo rientra nella tipologia delle “convenzioni a 3” in virtù dei soggetti coinvolti  – Abbanoa, Comune ed Egas –   che affida agli uffici comunali la realizzazione dell’intervento. Con la chiusura della gara d’appalto da parte del Comune  a breve partirà il cantiere.

 I Comuni gestiscono direttamente gli interventi dei propri territori occupandosi dell’iter di realizzazione e assumendosi direttamente la responsabilità della progettazione, della gara d’appalto e della realizzazione delle opere. Egas mantiene le funzioni di controllo e garantisce la certezza dei tempi di erogazione delle risorse mentre  Abbanoa supervisiona tutte le fasi dell’iter affidato al Comune e, una volta completate le opere previste nell’intervento, le prende in gestione e le mette in esercizio. E’ l’iter definito delle cosiddette “convenzioni a tre”, accordi che coinvolgono i tre soggetti  e che puntano ad accelerare la realizzazione delle opere liberandole (almeno in parte) dal peso della burocrazia, con  tempi e passaggi amministrativi inferiori rispetto al normale iter.

Attualmente esiste un piccolo serbatoio non in grado di soddisfare le esigenze delle utenze interessate. La realizzazione della nuova opera garantirà una distribuzione idrica regolare nei mesi estivi, da sempre i più critici anche in virtù dell’aumento della popolazione presente. I lavori prevedono la realizzazione del nuovo serbatoio di accumulo idrico-potabile in località Monte Contros della capacità complessiva di 500 mc, con previsione degli spazi per un ampliamento dello stesso per ulteriori 500 mc con il prolungamento delle condotte di alimentazione e di uscita al serbatoio stesso. Inoltre ci sarà un potenziamento del sollevamento denominato Frigni a servizio del serbatoio di Monte Contros e la realizzazione di una condotta di alimentazione del sollevamento di Lu Linu dall’acquedotto del Liscia in corrispondenza della SS 125.

(Visited 89 times, 2 visits today)

Note sull'Autore