Calcio, Danilo Bonacquisti capitano coraggioso

Il recupero dall’infortunio dell’arzachenese Bonacquisti.

Danilo Bonacquisti (nella foto gentilmente concessa dall’Arzachena Costa Smeralda Calcio) da qualche tempo ha ripreso ad allenarsi dopo il maledetto infortunio patito l’8 ottobre all’ “Arena Garibaldi” di Pisa. “Ho una voglia matta di rientrare”. Come ha vissuto questi due mesi il capitano dell’Arzachena? “I miei compagni sono stati fondamentali per la mia serenità. Mi sono sempre stati vicino”. Un gruppo speciale quello biancoverde. “Ragazzi che danno tutto per la maglia. Tutti sono utili e nessuno è indispensabile. I risultati conseguiti sono frutto di questa mentalità”. Danilo Bonacquisti ricorda il momento dello sfortunato episodio: “Peccato davvero. Ero al top della condizione. Stavo facendo bene così come la squadra“.

Un anno importantissimo per la compagine arzachenese. “Vogliamo dimostrare agli addetti ai lavori che in Serie C ci possiamo stare eccome. In tal modo sarebbe evidente che lo scetticismo generale nei nostri confronti era assolutamente privo di fondamento”. Valori che il campo sta facendo venire a galla. “Siamo consapevoli di giocare in un campionato difficilissimo dove l’equilibrio la fa da padrone. Sappiamo di non poter calare minimamente di tensione“. Da due mesi l’Arzachena fa a meno del suo capitano. “Sto lavorando duro per rientrare in piena forma. Il livello della competizione e le sollecitazioni che ne conseguono non consentono mezze misure”.

Dopo la visita infruttuosa nella tana della corazzata Livorno ecco lo scontro salvezza con il Pro Piacenza: “Quelle con le avversarie alla nostra portata sono tutte piccole finali. Se vogliamo mantenere la categoria dobbiamo vincerle soprattutto quando le giochiamo in casa”. Serie C vetrina da sfruttare nel migliore dei modi. “Vogliamo nuovamente stupire chi si è stupito la stagione scorsa quando abbiamo vinto il torneo di Serie D. La forza del nostro gruppo è la chiave di tutto”. Un rientro da programmare alla perfezione. “Sto dando il massimo per ritornare in campo il più presto possibile. Ma lo farò quando avrò riacquistato la forma ideale. E’una questione di buon senso e di rispetto verso la società e i compagni”. Buon lavoro capitano coraggioso.

Note sull'Autore