La pista del Caocci incorona il ragazzo e la ragazza più veloce di Olbia

Sono stati 70 i partecipanti nella gara organizzata dall’Atletica Olbia.

Successo oltre le aspettative per la manifestazione di atletica leggera “Ragazzo e ragazza più veloce di Olbia” andata in scena questa mattina sulla pista dello Stadio Angelo Caocci.  Al richiamo dell’Atletica Olbia, società organizzatrice dell’evento, hanno risposto ben 70 ragazzi provenienti dalle prime due classi delle scuole medie superiori cittadine che si sono affrontati sulla distanza degli 80 metri in avvincenti batterie di qualificazione che hanno determinato i sei finalisti di ogni categoria (nelle foto due momenti delle premiazioni).

Nella 1^femminile tripletta del Liceo Scientifico Lorenzo Mossa con Angela Bruno che con il tempo di 11″70 ha preceduto Laura Murineddu e Sara Deiana (entrambe accreditate del tempo di 12″50). Nella 1^ maschile Francesco Di Cristo del Liceo Artistico Fabrizio De Andrè ha bruciato al fotofinish Lorenzo Pinna del Mossa con un ottimo 9″90; terzo Simone Milillo (Mossa) con 10″25.

Nella 2^femminile trionfo del Liceo Classico Gramsci che ha riempito il podio: vincitrice Carlotta Desortes (11″90) davanti a Gaia Valentina Diana (12″30) e Stella Deiana (12″70). Nella 2^maschile la vittoria è andata a Gabriele Pinna dell’ Istituto Tecnico Dionigi Panedda che ha chiuso in 10″20 seguito da due atleti del Liceo Mossa: Dario Marongiu (10″25) e Alessandro Camponovo (10″30). Infine nella gara riservata ai nati nel 2000/2001 al primo posto si è classificato Andrei Calarasu con 9″80 che ha messo in fila Riccardo Deiana (10″10) e Radu Jurgut (11″20).

Grande soddisfazione da parte dei tecnici dell’Atletica Olbia che hanno ringraziato gli insegnanti di educazione fisica degli istituti olbiesi per la fattiva collaborazione alla buona riuscita di quella che si è rivelata una bellissima giornata di sport anche grazie alle splendide condizioni atmosferiche. Quello odierno voleva essere un progetto pilota per dare fondamenta allo svolgimento a marzo di una kermesse che veda coinvolte tutte le classi di tutte le scuole medie inferiori e superiori della città. I numeri raggiunti e la qualità di alcuni tempi realizzati dai velocisti costituiscono un ottimo viatico per il Gran Galà primaverile.

Note sull'Autore