Ad Arzachena nasce il Centro di ascolto antiviolenza e per i malati oncologici

marito violento

L’iniziativa del Comune di Arzachena.

Il Comune di Arzachena interviene a livello locale nel trattamento di due particolari emergenze che la pandemia da Covid-19 ha messo ancor più in evidenza, le violenze domestiche e le patologie oncologiche, portando all’approvazione del consiglio comunale il regolamento per l’apertura del primo Centro di ascolto con sportelli e professionisti dedicati ad entrambe le tematiche.

L’iniziativa è curata dall’assessore ai Servizi Sociali, Gabriella Demuro, a compimento di un percorso avviato due anni fa con l’adesione al progetto Orange the World della Soroptimist International d’Italia-Club Gallura per contrastare la violenza sulle donne mediante l’installazione in piazza Risorgimento della panchina arancione.

“Durante la seduta del consiglio comunale del 18 novembre, presenterò il progetto per l’apertura del Centro di ascolto che affiancherà i cittadini in difficoltà con psicologi, avvocati e councelor specializzati nel sostegno alle vittime di violenza domestica, ai malati oncologici e alle loro famiglie – spiega l’assessore Demuro -. Nei tre anni dedicati ai Servizi sociali del Comune, ho maturato la consapevolezza delle problematiche che toccano la nostra cittadina e di cui troppo poco si parla. Ne abbiamo visto un tragico epilogo anche nelle cronache con l’omicidio di Zeneb Badir e nei più recenti casi emersi durante il lockdown. L’emergenza Covid-19, inoltre, ha esasperato le necessità delle persone colpite da tumore, per cui le cure e l’assistenza sono diventate pressoché inaccessibili nelle strutture ospedaliere. Per questo dedicheremo 50 mila euro all’avvio del Centro in cui sostenere le persone che non hanno strumenti adeguati per superare i momenti di difficoltà e smarrimento. Puntare al benessere dei più fragili è un nostro dovere”.

Il regolamento sarà presentato durante la seduta convocata dal presidente del consiglio comunale Rino Cudoni per domani alle 11. Il documento precisa le finalità del Centro e i dettagli sul funzionamento degli sportelli: dal momento dell’accoglienza, alla presa in carico del problema fino alla ricerca delle soluzioni più adatte per ciascuno nel pieno rispetto della privacy. L’apertura sarà bisettimanale e prevede un primo colloquio telefonico a cui seguiranno gli appuntamenti in presenza. Il servizio sarà offerto gratuitamente nella sede dei Servizi Sociali in via Crispi ad Arzachena. L’inaugurazione è prevista per l’inizio del 2021.

(Visited 399 times, 3 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!