Ipotesi di gestione per il patrimonio regionale ad Arzachena

La visita dell’assessore regionale Sanna.

“Questa Giunta Regionale presta la massima attenzione alle istanze dei territori e garantirà sempre ampia disponibilità e ascolto verso gli Enti Locali, secondo quanto stabilito, sin dai primi atti, dal presidente Solinas”.  Lo ha detto l’Assessore degli Enti locali, Quirico Sanna, nel corso di una visita al Comune di Arzachena ed un sopralluogo dei beni regionali presenti nel territorio.

“La Regione – ha sottolineato ancora Sanna – ritiene il patrimonio regionale una risorsa insostituibile per lo sviluppo economico, sociale e culturale dell’Isola e strumento di crescita e sviluppo per l’economia territoriale, nonché fattore di valorizzazione e diffusione delle identità locali. I beni del demanio e patrimonio pubblico ricadenti nel Comune di Arzachena, rappresentano un patrimonio di inestimabile valore per la comunità locale e per la Regione anche per il rilevante interesse paesaggistico, ambientale e storico culturale. Alcuni di questi possono tranquillamente essere utilizzati a favore di politiche culturali, di salvaguardia e gestione ambientale, mentre altri possono incentivare crescita e occupazione.”

“Sempre nell’ottica della valorizzazione, riqualificazione, sviluppo e razionale utilizzo del patrimonio immobiliare regionale presente sul territorio comunale, ha detto l’assessore Sanna, gli uffici stanno già predisponendo gli atti necessari per la stipula di un Protocollo d’Intesa che mira a consolidare la reciproca collaborazione tra il Comune di Arzachena e la Regione. Durante il sopralluogo nel territorio comunale di Arzachena, alla presenza del sindaco Roberto Ragnedda e della Giunta comunale, l’assessore Quirico Sanna ha potuto visitare tra gli altri, il Porto di Cannigione, il Faro, il Forte Cappellini e le Batterie militari di Baja Sardinia ed alcuni siti archeologici.

(Visited 647 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!