Calcio, Il San Teodoro-Porto Rotondo vince. Terzo posto, record e dedica speciale

san teodoro porto rotondo

Il San Teodoro-Porto Rotondo vince ancora.

Vittoria per 2 a 0 del San Teodoro-Porto Rotondo contro il Monastir Kosmoto a San Teodoro. La squadra guidata da mister Marini ha ottenuto altri 3 importantissimi punti in una partita bella e difficile, contro un Monastir che quest’anno fatica a uscire dal pantano della zona retrocessione. I padroni di casa, alle prese con numerose assenze per via di infortuni e squalifiche, hanno schierato in campo dal primo minuto giocatori come Simone Spano, Diego Pala, Fabrizio Murgia, con poche partite da titolari in questa stagione, che si sono fatti trovare pronti. Inoltre, ha esordito in maglia viola Samuele Spano, difensore classe 2004 prelevato dalla Primavera dell’Olbia, subentrato.

Il primo tempo.

La partita è stata condizionata dal freddo pungente ed è iniziata a ritmi blandi. Col passare dei minuti le squadre, più calde, hanno giocato a viso aperto, con continui capovolgimenti di fronte e un sostanziale equilibrio, fino al 30′, quando Pala ha insaccato il pallone con un tiro dai 20 metri, col pallone che rimbalzando davanti al portiere ha reso vano il tentativo di parata di quest’ultimo.

Il secondo tempo.

Il secondo tempo è iniziato con due occasioni non finalizzate da Mulas e Murgia, che hanno visto le proprie conclusioni respinte da Galasso. Al 26′ Mulas raddoppia, trasformando un tiro-cross di Ruzzittu respinto da Galasso. La rete è stata annullata per presunto fallo di mano dell’attaccante. La difesa del Monastir ha battuto maldestramente il calcio di punizione, Pala è entrato in possesso del pallone e ha servito Mulas, che ha messo in rete il pallone del 2 a 0 in diagonale.

Pochi minuti dopo, al 31′, il Monastir avrebbe l’occasione di accorciare le distanze su calcio di rigore, ma Melis ha parato il tiro e l’attaccante del Monastir, avventatosi sul pallone, ha calciato fuori il pallone vagante. La partita è finita senza altri sussulti.

Il record eguagliato e i conti aperti.

Un altro anno da record per la squadra guidata da Simone Marini, dopo la scorsa stagione. La stagione 2021-2022 aveva visto infatti il Porto Rotondo fissare il proprio record di punti in Eccellenza. Furono 44 punti, proprio come gli attuali punti in classifica, quando mancano ancora 11 partite – la squadra gallurese riposerà alla 32esima giornata – e la salvezza è quasi raggiunta – per la matematica è facile fare i conti, con i 33 punti ancora in palio e i 19 punti attuali di distanza dalla zona playout -. Il San Teodoro ha militato in categorie superiori, ma quei tempi sono ormai lontani, e la fusione col Porto Rotondo ha salvato i viola dal baratro della Prima Categoria. La nuova realtà San Teodoro-Porto Rotondo, mostra già, dunque, un salto di qualità rispetto al recente passato. A questo punto del campionato, la squadra di Marini, a salvezza praticamente acquisita, con il record di punti già eguagliato, potrebbe alzare l’asticella, ovvero, continuare a vincere e sperare che le due squadre al vertice, Latte Dolce e Budoni, rallentino. Con gli attuali 12 punti di distanza dalla seconda in classifica – il Latte Dolce -, infatti, non si disputerebbero i playoff.

La dedica.

A fine partita, Simone Marini, ha diffuso, a nome della squadra, un messaggio di solidarietà: “Il San Teodoro-Porto Rotondo dedica la vittoria all’amico Manuel, che ha avuto problemi di salute. Lo aspettiamo, che torni al più presto a darci una mano”.

San Teodoro-Porto Rotondo – Monastir, il tabellino.

SAN TEODORO-PORTO ROTONDO: Melis, Frisciata, Delogu, Saggia, Muzu, Spano, Casula, Saiu, Mulas, Pala, Murgia. In panchina: Deiana, Bassu, Fideli, Malesa, Marongiu, Cianfrocca, Ruzzittu, Mourot, Spano Samuele. Allenatore: Marini.

MONASTIR KOSMOTO: Galasso, Aramu, Secci, Rinino, Berghmans, Curreli, Sanna, Poddesu, Floris, Melis, Cannizzaro. In panchina: Atzori, Cossu, Biondi, Onnis, Selva, Pilloni, deias, Pulcrano, Lorenzoni. Allenatore: Madau.

RETI: 30′ Pala, 27′ 2t Mulas

AMMONIZIONI: Frisciata (S), Secci (M), Berghmans (M).

Condividi l'articolo