Nuove facilitazioni, incentivi e bonus per il lavoro in Sardegna

Le novità del Programma LavoRas.

Al via una serie di facilitazioni per l’accesso alle misure del Programma LavoRas. L’insieme di novità nel programma per il lavoro della Regione è previsto nella delibera n. 53/2 dello scorso 29 ottobre, passata con parere favorevole nella Commissione Lavoro del Consiglio regionale il 13 novembre e approvata in via definitiva ieri in Giunta, su proposta del Presidente, Francesco Pigliaru, di concerto con l’assessore della Programmazione, Raffaele Paci e l’assessora del Lavoro, Virginia Mura.

Il provvedimento semplifica le modalità di accesso agli incentivi all’assunzione in quattro punti fondamentali: l’incremento significativo dell’importo; la semplificazione delle procedure di accesso delle imprese; la possibilità di ricorrere alla cosiddetta finanza inclusiva; l’eliminazione dei vincoli preesistenti per le aziende di medie e grandi dimensioni. L’insieme delle novità è applicabile ai due avvisi già in corso (bonus occupazionali per l’assunzione di lavoratori under e over 35) e al prossimo bando per le assunzione degli over 55.

“Con questo nuovo passaggio su LavoRas aumentiamo le risorse destinate alle imprese per assumere e, nello stesso tempo, siamo riusciti ad abbassare le difficoltà  burocratiche per accedere agli incentivi, rafforzati sino alla percentuale massima concessa dalle regole europee”, ha detto il presidente Pigliaru. “I dati sulla disoccupazione giovanile registrano riscontri positivi importanti, ma abbiamo necessità e urgenza di crescere ancora. E’ più che mai necessario che i nostri giovani restino in Sardegna – ha sottolineato – perché sono loro a portare le idee, l’innovazione, il talento che sono le chiavi per il futuro di tutto noi. Stiamo affrontando con il massimo dell’impegno un problema complesso, e giorno dopo giorno affiniamo gli strumenti per dare le risposte più efficaci. Vogliamo che questa azione funzioni e funzioni subito – ha concluso Francesco Pigliaru -, e con questo obiettivo miglioriamo le condizioni economiche e la semplificazione affinché le imprese assumano giovani e lo facciano il prima possibile.”

“Gli incentivi concorrono ad abbattere non solo la disoccupazione giovanile, ma anche quella di chi ha superato i 35 anni e trova maggiori difficoltà di inserimento nel mondo del lavoro”, ha spiegato l’assessora del Lavoro, Virginia Mura. “La semplificazione per l’accesso agli incentivi – ha proseguito Mura – ci è stata richiesta da tutti gli stakeholder, a partire dalle imprese, grandi e piccole, operanti nella nostra Regione. Abbiamo portato al massimo l’incentivo all’assunzione, sia per le assunzioni a tempo indeterminato, sia per quelle a tempo determinato, dai 12 mesi in su. Abbiamo abbattuto i vincoli per le grandi imprese, stabiliti in precedenza nel programma LavoRas, e semplificato le procedure di accesso ai bonus. Infine, abbiamo stanziato sulla misura ingenti risorse – 40 milioni – e confidiamo, con una comunicazione una più efficace che raggiunga tutte le aziende, di contribuire all’assunzione di migliaia di persone nel nostro tessuto economico”, ha concluso la titolare del Lavoro.

L’incremento dell’importo dei bonus occupazionali – È previsto l‘incremento dell’incentivo all’assunzione per i lavoratori a tempo indeterminato fino al 50% del costo lordo annuo del singolo lavoratore, incluso l’importo dell’eventuale sgravio contributivo nazionale, che dovrà essere necessariamente richiesto se l’impresa possiede i requisiti per ottenerlo. Per le assunzioni a tempo determinato oltre i 12 mesi, l’incremento del bonus sale fino al 30% del costo lordo annuo del singolo lavoratore.

La semplificazione delle procedure di accesso ai bonus – I datori di lavoro potranno delegare il proprio consulente del lavoro per la presentazione della domanda. È previsto il coinvolgimento dei soggetti privati accreditati nell’attività di promozione della misura, con il riconoscimento dell’attività svolta, “secondo una logica di premialità, per processo e per prodotto”. Nel caso di contratto di somministrazione l’incentivo verrà erogato direttamente all’impresa utilizzatrice. Viene riconosciuta espressamente la possibilità di incentivare il contratto di apprendistato, ferma restando la verifica sul cumulo degli aiuti di stato che potrebbe conseguirne.

L’eliminazione dei vincoli preesistenti – La delibera stabilisce due ulteriori facilitazioni per le imprese di media e grande dimensione: il calcolo dell’incremento occupazionale netto (requisito necessario ai sensi del Regolamento UE sugli aiuti all’occupazione) sarà limitato al territorio regionale ed è stabilita la soppressione del limite di 100 mila euro come importo massimo per la singola impresa.

(Visited 266 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!