Case disabitate, albergi murati e strade bianche: Lido del sole è diventato un villaggio fantasma

dav

Degrado nella spiaggia del Lido del Sole di Olbia.

L’estate è alle porte e le spiagge di Olbia da scegliere per la tintarella sono tante. C’è n’è purtroppo una dove il degrado e le condizioni di abbandono sono inspiegabili, sopratutto se va indietro con la mente nel tempo.

La spiaggia del Lido del Sole, quella che negli anni ’60 era il mare preferito degli olbiesi, oggi non c’è più. Ovvero esistono solo le tracce di quelle che un tempo erano stabilimenti balneari, ristoranti, alberghi e locali che rendevano il posto una meta gettonata.

C’erano una volta la Relais Baia del Sole e l’Hotel Caprile. Ai tempi che furono erano locali lussuosi, oggi sono ruderi recintati per questioni di sicurezza, maldestramente, perché si può scavalcare ed entrarci dentro.

All’interno degli stabili non esistono più gli arredi e le facciate portano segni di vistoso degrado così come le zone interne, dove hanno nidificato gli uccelli e dove hanno soggiornato i vandali. Alcuni ruderi svelano ancora la bellezza di un tempo.

Pochi giorni fa, un gruppo di volontari hanno ripulito la spiaggia dalla plastica e da altri rifiuti, perfino amianto. L’area, forse vedrà la rinascita con la “Oftal del Sole”, con uno stabilimento balneare per disabili che vedrà una parte della spiaggia riqualificata.

Note sull'Autore

Gallura Oggi il quotidiano di Olbia e della Gallura | Notizie da Olbia, eventi in Gallura