Elisabetta Canalis, in Vacanza in Sardegna, torna a trovare i cani ospiti della Lida di Olbia – video

elisabetta canalis lida olbia

Il ritorno della Canalis alla Lida di Olbia.

Sta trascorrendo un periodo di vacanze nella sua Sardegna l’attrice di origine ozierese Elisabetta Canalis, che come in passato è tornata a trovare la Lida di Olbia. “Elisabetta anche quest’anno ha mantenuto la sua promessa ed oggi è venuta a trovarci – afferma la Lida, sezione di Olbia, in una nota -. Ogni volta è un arrivederci, perché il richiamo del rifugio è forte e non si può resistere a lungo lontano dalla nostra realtà. E’ entrata nei recinti dei dimenticati, si è fatta coccolare dai cuccioli, ha salutato tutti i nostri ragazzi ed il suo grande cuore anche questa volta ha lasciato il segno“.

L’encomio della Lida: “E’ bella Ely, dentro e fuori, aiuta gli animali ed anche le persone, ma la sua riservatezza le fa fare tutto in silenzio perché non ha bisogno di riconoscimenti e la gente questo non lo sa – prosegue la nota della Lida -. Venite a trovarci, entrate nei recinti come fa lei ogni volta, non abbiate paura di farvi sporcare i vostri bei vestiti ma imparate ad osservare col cuore, ne ricaverete una gioia immensa”.

La stessa Canalis ha raccontato l’esperienza con parole toccanti: “Ieri sono stata a fare visita al canile della Lida di Olbia – racconta la protagonista della pubblicità del thè San Benedetto- . Non posso descrivere le emozioni che ho provato vedendo questi cani e gatti che sono stati salvati dall’indifferenza e dalla cattiveria di certe persone“.

Un lungo elenco di esempi di ospiti del canile: “Dietro ognuno di loro c’è una storia a sé, alcuni sono stati confiscati a persone che li legavano a catene di 15 cm, altri arrivano da campi nomadi e riportano segni di bruciature – parliamo di cuccioli di pochi mesi -. Altri vengono comprati a persone con problemi mentali che purtroppo non sono in grado di prendersene cura ed arrivano in condizioni pessime – prosegue la showgirl -, altri ancora sono cani che arrivano dalla campagna, pieni di zecche e malattie, altri sono i cani di allevamenti che non sono stati venduti, e che vengono buttati via perché ormai troppo grandi”.

L’invito della Canalis a riflettere prima di adottare un cane: “Vi chiedo solo di riflettere bene prima di prendere un cane: i cani sporcano, abbaiano e distruggono scarpe e mobili nei primi mesi di vita se non si ha la pazienza di insegnargli a stare in casa. I cani crescono. I cani hanno bisogno di camminare tutti i giorni. I cani si ammalano come noi ed hanno bisogno di un veterinario. I cani vogliono stare con noi perché adorano la nostra compagnia e ne sentono la mancanza. I cani non sono pupazzi per i bambini. Vorreste portare in viaggio il vostro cane? Sappiate che le compagnie aeree non sono collaborative e che tendono a non volerli a bordo, attraverso 1000 restrizioni. I cani sono anche la parte più serena e stabile della nostra vita, non ti fanno sentire solo e ti vogliono bene a prescindere. Avere un cane aiuta ad essere più socievoli e ci spinge a fare esercizio quotidianamente. Andate a visitare un canile e se veramente volete un cane o un gatto , lo troverete li ad aspettarvi“, conclude Elisabetta Canalis.

Condividi l'articolo
Gallura Oggi il quotidiano di Olbia e della Gallura | Notizie da Olbia, eventi in Gallura