Migliaia di fedeli e grandi emozioni per l’ordinazione di don Gianfranco Saba. Le foto

Jpeg

Migliaia di fedeli hanno assistito alla cerimonia della consacrazione di don Gianfranco Saba

Lo stadio Caocci di Olbia ha accolto le migliaia di fedeli che oggi pomeriggio, a partire dalle ore 17, hanno partecipato alla cerimonia di consacrazione di don Gianfranco Saba, arcivescovo metropolita di Sassari. Sull’altare erano presenti una quindicina di vescovi e quasi 500 sacerdoti, in rappresentanza delle 60 parrocchie della diocesi. Solo da Sassari  sono arrivati 13 pullman tra fedeli e vescovi.

Una manifestazione organizzata in ogni dettaglio. Un grande palco di oltre 200 metri quadrati, davanti al quale sono state sistemate 2mila sedie per far accomodare autorità e ospiti illustri. Presenti tutte le forze dell’ordine della città di Olbia e non solo: Polizia Locale, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia di Stato. Protezione Civile e Vigili del Fuoco sempre presenti. Numerose le associazioni di volontariato locali.

Per la diocesi di Tempio si tratta di un evento storico.

Nella folla di fedeli commossi che ha accompagnato tutta la funzione, tante le testimonianze sulla gioventù di Don Gianfranco Saba. Molti amici di famiglia che han conosciuto Don Gianfranco Saba “la famiglia ha sempre detto che da grande sarebbe andato avanti nella sua vita. A soli 7 anni lo ricordiamo in giro per la campagna con il Vangelo in mano” affermano due anziani amici di famiglia. “È sempre stato di un intelligenza unica, stravolgente. La mamma scomparsa 5 anni fa ne sarebbe stata fiera” affermano degli amici Olbiesi della famiglia Saba.

A dare il via alla lunga cerimonia è stato il vescovo della Diocesi di Tempio-Ampurias Sebastiano Sanguinetti. E con grande emozione Gian Franco Saba è diventato Arcivescovo Metropolita di Sassari, durante una cerimonia sentita ed coinvolgente.

Poi una lunga passeggiata, nello stadio Caosi, per la salutare la sua amata città e le migliaia di fedeli, che hanno risposto con un grande, lungo ed emozionante applauso.

Le foto:

Note sull'Autore