Santa Teresa sotto schock, offese razziste ai calciatori durante la partita

Insulti e frasi irripetibili nei confronti di quattro atleti africani.

Insulti e offese razziste nei confronti di quattro calciatori di colore durante una partita di calcio. Il vergognoso episodio ci viene raccontato dal quotidiano La Nuova Sardegna, e sarebbe accaduto domenica scorsa al comunale di Trinità d’Agultu, durante una partita di seconda Categoria che vedeva di fronte i padroni di casa del Trinità e il Santa Teresa.

A scatenare la furia sarebbe stata l’espulsione, a pochi minuti dalla fine dell’incontro, di un calciatore del Santa Teresa, per un normale fallo di gioco. A questo punto, secondo il racconto di alcuni testimoni riportato dal quotidiano, molti in campo avrebbero pronunciato frasi come “Scimmioni, africani, siete abituati a correre con i leoni” e altri ingiurie irripetibili.

Ad essere presi di mira dalla violenza delle frasi razziste nel corso di tutta la partita sarebbero stati in particolare i quattro calciatori di origine africana del Santa Teresa, ospiti del centro di accoglienza temporaneo per migranti di Porto Pozzo e in forza ai biancazzurri.

A niente sono valse le protesta dei giocatori del Santa Teresa. La gara si sarebbe così giocata in un clima di inutile e ingiustificabile violenza verbale, fino al fischio finale. Al termine, il presidente del Trinità avrebbe detto di non aver sentito parole offensive in campo. Dello stesso tenore anche quanto affermato dal sindaco di Trinità Giampiero Carta, per il quale si sarebbe trattato solo di questioni legate alla partita.

(Visited 749 times, 1 visits today)