Il Campionato Italiano Cross Country in Gallura per il secondo round

Si preannuncia una gara molto combattuta.

Torna la terra sarda per il Campionato Italiano Cross Country 2018 ed esordiscono nella serie tricolore gli sterrati galluresi, già palcoscenici naturali delle sfide del Rally d’Italia mondiale.

I protagonisti del campionato sono schierati per dar vita al secondo round stagionale. Gara che si annuncia intensa, incentrata sul tentativo di allungo al vertice da parte di Lorenzo Codecà, il fuoriclasse della Suzuki primo della classifica assoluta dopo aver vinto l’appuntamento inaugurale a Rauscedo. Nella prova pordenonese, con il Grand Vitara 3.6 V6 T1, il campione brianzolo ha superato una serie di inconvenienti derivanti dall’alto ritmo di gara imposto dal duello con Elvis Borsoi. Presentatosi a sorpresa con una fiammante Mini One Racing, vettura di ultimissima generazione, il veneto campione italiano in carica ha da subito lottato per le prime posizioni assolute contrastando il passo di Codecà nella corsa verso la vittoria in gara.

In Gallura assisteremo alla seconda sfida, nella quale tenteranno di inserirsi il secondo pilota di Suzuki, quell’Andrea Tomasini che sta migliorando le prestazioni di gara in gara, ma anche il giovane Francesco Ceschin, il veneto che potrebbe rivelarsi valido alleato di Borsoi sfruttando appieno la competitività del Toyota Collodel T1.

Tutta da seguire sarà la gara del diciassettenne Alessandro Altoè, velocissimo al volante del Yamaha YXZ 1000R, ed anche le prestazioni del reggiano Emilio Ferroni in gara con la Suzuki Grand Vitara.

Sempre con i Grand Vitara, ma nella versione strettamente derivata dalla serie del modello 1.9 DDiS T2, la Baja Terre di Gallura è seconda prova del monomarca Suzuki Challenge, che vede al comando il romano Claudio Petrucci, davanti all’esordiente Marino Gambazza Chinti.

Confronto a tre per la classifica del Campionato Italiano Cross Country riservato ai Side By Side, con il torinese Ventura davanti al piacentino Tinaburri ed al pordenonese Mauro Vagaggini, tutti a bordo di rispettivi Yamaha YXZ 1000R di Gruppo TM.

Il programma della Baja Terre di Gallura sarà domani incentrato nelle preliminare fasi di preparazione alla gara stessa, con le verifiche Sportive e tecniche nel pomeriggio, mentre nella serata è prevista la cerimonia di partenza a Berchidda. Il giorno seguente, sabato 12, la competizione entrerà nel vivo con la disputa di dieci settori selettivi, 123,04 i chilometri di sviluppo cronometrato, 434,15 i chilometri di gara. Arrivo previsto alle 20.37 a Berchidda.

(Visited 91 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!