La Maddalena, il Comune acquisisce l’aquila di via Garibaldi: sarà restaurata

Il Comune di la Maddalena acquisisce la statua storica dell’aquila

“La storica aquila di via Garibaldi è stata acquisita a patrimonio comunale”, annuncia il sindaco di La Maddalena Fabio Lai. “Un pezzo di storia che merita di essere valorizzato e reso fruibile al pubblico sarà salvato grazie all’accordo trovato con la famiglia Bargone – spiega -. Che ha condotto alla formalizzazione di acquisizione a patrimonio pubblico del monumento”.

La storia dell’Aquila di La Maddalena

Fra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, davanti all’Arsenale militare c’era la Casa di Pena intermedia. Ospitava prigionieri non pericolosi adibiti ai lavori forzati. Furono loro a realizzare il monumento dell’aquila, manufatto interamente costruito con centinaia di legnetti. Tutti a misura e scanalati per imitare le piume e la forma delle ali. Montato su una fascia di metallo il monumento ha trovato spazio nell’angolo della palazzina Bargone finita da poco tempo.

Terminata da poco la seconda guerra mondiale, si cominciarono ad avvertire alcuni cedimenti all’altezza delle zampe, per cui è stato necessario rimuovere l’aquila. Al posto delle zampe di legno, nell’arsenale militare uno dei figli della famiglia Bargone su disegno del signor Meme Scotto le ha fatte in ferro. L’obiettivo dichiarato dall’amministrazione è quello di restaurare il bene e ricollocarlo bella posizione originale per arricchire il percorso museale a cielo aperto del centro storico.

La disponibilità della famiglia Bargone

“Sono felice di questo risultato – afferma il consigliere Adriano Greco -. Ringrazio il sindaco Fabio Lai per avermi assegnato questo compito nella distribuzione dei vari obiettivi. Per me è motivo di grande soddisfazione aver contribuito affinché questo bellissimo monumento che, a suo modo parla della storia della Città, sia diventato del Comune. Tutto ciò non sarebbe stato possibile senza la disponibilità della famiglia Bargone che ringrazio. Segno evidente della loro sensibilità nei confronti della valorizzazione della nostra storia e del progetto di valorizzazione del turismo culturale messo in campo dall’amministrazione”.

“Bellissimo lavoro di squadra che arricchisce senza dubbio il nostro patrimonio pubblico – afferma il delegato al Patrimonio, Luca Falchi -. Adesso sarà importante concludere quello che abbiamo iniziato recuperando i fondi necessari per presentare il progetto di restauro alla Sovrintendenza e procedere con l’intervento di recupero. Un altro tassello nel circuito culturale che stiamo creando nel centro storico della nostra città”.

In alto a destra, l’aquila di via Garibaldi
Condividi l'articolo