Muore dopo l’immersione a Capo Figari, sequestrata l’attrezzatura del sub

I soccorsi a Golfo Aranci.

Alle ore 11 e 25 la Sala Operativa della Guardia Costiera di Olbia riceveva una chiamata, tramite il numero unico per le emergenze in mare 1530, da parte di un Diving di base a Portisco, che ha segnalato la presenza di un subacqueo che al termine di un’immersione ricreativa con bombole aveva avuto un malore e presentava grosse difficoltà respiratorie.

E’ stato subito allertato il 118 e si mentre il subacqueo è stato portato nel vicino porto di Golfo Aranci, dove è stato prontamente inviato il personale della Guardia Costiera. Nel frattempo gli altri tre subacquei presenti a bordo hanno soccorso il sub in difficoltà e gli praticavano le prime manovre di rianimazione cardio polmonare con esito negativo.

Alle 11 e 40 il gommone è giunto nel porto pescherecci di Golfo Aranci  dove dopo alcuni minuti sono arrivate 2 autoambulanze. Il personale del 118 ha proseguito le manovre di rianimazione già iniziate a bordo ma anche questi ulteriori tentavi risultavano vani. Alle ore 12 e 15 il medico del 118 ha certificato la morte del Sub, un uomo di 52 anni nato in Canada e residente in Svizzera (RM le iniziali) e su disposizione della Procura della Repubblica presso il tribunale di Tempio Pausania il personale militare dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Golfo Aranci ha posto sotto sequestro l’attrezzatura dello sfortunato sub e ha avviato le prime attività di indagine.

Note sull'Autore

Gallura Oggi il quotidiano di Olbia e della Gallura | Notizie da Olbia, eventi in Gallura