Picchia la moglie e il figlio piccolo, un 43enne di Olbia finisce nei guai

violenza

Un 43enne di Olbia è finito nei guai.

Non appena è stato revocato il divieto di avvicinamento alla compagna, ha ripreso a umiliarla e picchiarla. Fatti che si verificavano a Olbia dal 2011 e trovano protagonista un 43enne.

Questi sono gli elementi emersi durante un processo relativo a fatti verificatisi nel capoluogo gallurese fino al 2022. Il pubblico ministero, nell’atto di accusa, evidenzia che gli atti di violenza si sono svolti in presenza del figlio della coppia, un bambino che al momento dei fatti aveva appena 5 anni.

La vittima è stata sottoposta a insulti e vessazioni, ma le situazioni più gravi si manifestavano durante gli accessi d’ira del compagno, come riportato dai carabinieri. La donna è stata minacciata di morte, colpita con oggetti contundenti, e addirittura legata con una corda al collo.

Condividi l'articolo