Vendite giudiziarie, la Procura di Roma indaga sul Tribunale di Tempio

Accertamenti in corso negli uffici del palazzo di giustizia.

Le vendite giudiziarie del Tribunale di Tempio sono finite nel mirino della Procura di Roma. Nella mattinata di oggi la Guardia di Finanza e gli uomini della polizia di Olbia avrebbero infatti eseguito degli accertamenti, su richiesta dei pm di Roma, negli uffici del palazzo di giustizia.

In particolare tutto sarebbe nato da un’inchiesta sull’acquisto di una villa a Baia Sardinia. Si tratterebbe della villa appartenuta a Sebastiano Ragnedda, l’imprenditore vitivinicolo scomparso circa due anni fa. Nell’inchiesta romana sarebbero coinvolte otto persone, tra magistrati e avvocati del Tribunale di Tempio. Per un giudice sarebbe scattato il provvedimento di interdizione per un anno. Le ipotesi di reato, a vario titolo, sarebbero quelle di abuso d’ufficio, turbativa d’asta e falso.