I furti di sabbia e sassi non si fermano, altri tre casi al porto di Olbia

Un fenomeno che preoccupa sempre di più.

Gli agenti della Security dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sardegna hanno scoperto e sventato, durante l’attività di controllo, il furto di una bottiglia con oltre un chilo di sabbia, un sacco della spesa riempito di piccoli sassi di mare ed una scatola con tre pietre di grosse dimensioni, anche queste prelevate da una delle tante spiagge sarde.

Nello specifico, i primi due “bottini” sono stati scoperti sulle auto, appartenenti ad altrettante famiglie, in partenza per Livorno e Piombino. La scatola con i sassi, invece, è stata rinvenuta sul mezzo di una coppia di giovani diretti sempre nel porto labronico. Tutti i turisti sono stati segnalati all’Autorità marittima.

Un fermo, quello odierno, che segue quello clamoroso, registrato nella giornata di ieri, con il sequestro di circa 30 chili di sassi in partenza per Civitavecchia.

“Di fronte a questo fenomeno – spiega Massimo Deiana, presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sardegna – mi sento, da una parte, di esprimere la massima preoccupazione per le dimensioni che lo stesso sta assumendo, in particolare per l’aspetto etico e comportamentale che, granello dopo granello e sasso dopo sasso, sta gravemente danneggiando il nostro ecosistema. Dall’altra, esprimo grande soddisfazione per l’egregio lavoro svolto dal servizio di security portuale che, oltre ai normali compiti derivanti dalle norme vigenti, si è fatto carico, con abnegazione, cura e massima sensibilità, dell’onere aggiuntivo di scongiurare e sventare questi furti”.

(Visited 117 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!