Non trova lavoro perché ”troppo grasso”, l’appello disperato di un giovane di Olbia

Lavoro Olbia

Non trova lavoro ad Olbia.

Non trova lavoro ad Olbia nonostante il suo buon curriculum. Un 36enne, che si trova in difficoltà economiche e di salute, ha lanciato un appello rivolto alle aziende di Olbia. L’uomo, sposato, ha raccontato di non riuscire a inserirsi nel mondo del lavoro, a causa del suo peso, nonostante i tanti curriculum spediti in città.

Stando a quanto racconta, l’olbiese ritiene di essere stato vittima di bodyshaming, ovvero quel fenomeno che consiste nel discriminare le persone per il loro peso. “Purtroppo non sono magro – dice il giovane -, mi dicono che ho un curriculum di tutto rispetto, dove ho 13 attestati come esperto in marketing, social media marketing, tecnico informatico e grafico pubblicitario. In passato ho lavorato anche nel settore commerciale, procacciando clienti per le aziende. Ho notato è che quando mi vedono mi scrutano fisicamente e mi dicono sempre che mi faranno sapere”.

Ovviamente questa risposta non arriva mai, stando a quanto ha raccontato il giovane. L’uomo vive anche in una situazione economica difficile, con bollette e affitti arretrati da pagare, una madre disabile e anche lui affetto da differenti disabilità. “Se non mi propongono lavori a provvigioni, non trovo niente altro. A causa della mia invalidità dalla nascita ( ho un polmone lesionato da tre polmoniti), non posso fare nessuno sforzo – dice il giovane – e sono impossibilitato a fare l’operaio. Io con mia moglie viviamo a casa di mia madre, mentre il mio sogno anzi il nostro sarebbe di vivere per conto nostro, grazie ad un contratto a tempo indeterminato”. Il 36enne ha lanciato così un appello alle aziende di Olbia. “Sono disposto a fare qualsiasi tipo di lavoro purché sia sedentario, come in ufficio, oppure nei call center”.

Condividi l'articolo
Gallura Oggi il quotidiano di Olbia e della Gallura | Notizie da Olbia, eventi in Gallura