Mammografia, l’attesa è un incubo. Il racconto di una mamma di Olbia

Lunghe attese per eseguire una mammografia.

E’ la storia di G. D. una giovane mamma di Olbia, di 45 anni, che ha urgenza di eseguire una mammografia. Lei, visti i tempi di attesa, si è sempre affidata al privato. Ma questa volta ha deciso di percorrere la strada Cup sperando che i tempi dell’appuntamento non fossero biblici. Speranza tradita perché per sottoporsi ad una mammografia dovrà aspettare.

La giovane donna ha contattato il Cup di Olbia richiedendo una data per effettuare la mammografia tramite l’impegnativa d’urgenza. L’impiegata del Cup in una prima chiamata non sapeva fornire una tempistica certa invitando la donna a richiamare.

In una seconda chiamata invece le viene comunicato nuovamente di richiamare ma tra circa un mese per prendere un appuntamento perchè non c’è assolutamente posto. Così N.D. chiede se si può rivolgere ad un altro ospedale. “Tempio ma non c’è posto così come Sassari e Nuoro mentre nell’ospedale di Ozieri c’è posto ma non prima di ottobre” la risposta dell’impiegata del Cup. Insomma l’utente si rivolgerà ad uno studio privato o attenderà un appuntamento tramite il Cup di Olbia. “Certo è che ho urgenza di eseguire una mammografia non ho ancora un appuntamento e chi è riuscito a prenderlo non sarà prima di luglio 2018, sempre con l’impegnativa di urgenza” afferma la giovane donna.

Condividi l'articolo