Lettera minatoria al vicesindaco di San Teodoro, le indagini degli inquirenti

La solidarietà del Consiglio comunale al vicesindaco Mellinu.

Grande ancora è lo sgomento tra gli amministratori del Comune di San Teodoro per la lettera minatoria indirizzata al vicesindaco Alberto Mellinu. Intanto che si attende l’evoluzione delle indagini sono il Consiglio comunale, nel corso della seduta tenutasi il 31 luglio, ha espresso la sua solidarietà a Mellinu.

 “È una situazione delicata, i contenuti della lettera sono spaventosi – ha commentato il sindaco di San Teodoro Domenico Manironi –. Condanno fermamente la modalità di intimidire una persona con una lettera anonima, è un atto gravissimo e antidemocratico”. Intanto rimane sospesa l’idea di un Consiglio comunale aperto per non interferire con il lavoro degli inquirenti. Indagini sulle quali nulla trapela.

Dopo la lettera minatoria di San Teodoro e l’attentato incendiario ai danni del sindaco di Cardedu, cresce l’allarme intimidazioni nei confronti degli amministratori locali in Sardegna. A questo proposito, il presidente dell’Anci Sardegna Emiliano Deiana ha richiesto al prefetto di Cagliari Bruno Corda la convocazione in via di urgenza dell’Osservatorio regionale sul fenomeno.

Condividi l'articolo