Nuovo colpo per l’Hermaea: a Olbia arriva Silvia Formaggio

La conferma ufficiale.

Ancora un nuovo ingresso in casa Hermaea Olbia. Nella prossima stagione coach Michelangelo Anile potrà contare sul talento e sull’entusiasmo della 19enne Silvia Formaggio, che andrà a occupare il ruolo di secondo libero.

Nata a Casale Monferrato (ma originaria di Vercelli) il 26 settembre del 2000, alta 170 centimetri, Silvia proviene da una famiglia di pallavolisti. Sia i genitori che il fratello, infatti, hanno avuto esperienze in vari campionati dilettantistici in Piemonte. Il primo approccio con il mondo della pallavolo è arrivato molto presto, nelle fila del Green Volley Vercelli, squadra con cui ha svolto parte della trafila giovanile. A 13 anni il suo talento è stato notato dall’Agil Volley Novara, che l’ha inserita in un vivaio di buonissimo livello permettendole, al tempo stesso, di affacciarsi anche al mondo senior, con varie presenze tra i campionati di Serie B1 e B2. Con la formazione novarese, nel 2016/17, ha inoltre conquistato il titolo regionale Under 18 e la medaglia di bronzo nazionale di categoria. Nell’ultima stagione è stata invece alla Virtus Biella (B2) conquistando da protagonista la promozione nella categoria superiore.

A eccezione di rare parentesi, la nuova giocatrice dell’Hermaea si è quasi sempre disimpegnata nei ruoli di schiacciatrice e opposto. Nell’estate del 2016, però, ha vissuto un’importante esperienza da libero: è stata infatti selezionata nella Nazionale Under 17 che ha trionfato nell’Eight Nations disputato in Portogallo.

Conseguito di recente il diploma in ragioneria a indirizzo informatico, Silvia conta di proseguire gli studi in ambito universitario. Magari proprio in Sardegna.

“Sono entusiasta – racconta– ho sempre avuto l’ambizione di approdare in Serie A, ma non pensavo che potesse capitarmi un’occasione così presto. La chiamata dell’Hermaea mi ha resa felice e spero di ricambiare la fiducia che la società ha riposto nei miei confronti. A Novara ho giocato per diversi anni con Sara Tajè, che mi ha parlato benissimo di Olbia. Vivrò per la prima volta un’esperienza lontano da casa, ma non sono spaventata. Anzi, devo dire che la Sardegna mi ha sempre affascinata. Il livello tecnico della Serie A sarà ben diverso da quello cui sono abituata, ma voglio imparare il più possibile e mettermi a disposizione della squadra”.

“Nell’ultimo anno Silvia ha vinto la B2 giocando da opposto ricettore – spiega coach Michelangelo Anile – è molto brava in difesa, ma al tempo stesso le sue qualità di attaccante potranno tornarci utili sia in allenamento che in partita. È una ragazza con tanta voglia di fare e credo sia un ottimo prospetto su cui lavorare”.

(Visited 223 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!