La Sardegna nuragica all’Insulae Lab, Matteo Muntoni porta “Nur Bisu”

“Nur Bisu” di Matteo Muntoni a Berchidda

Venerdì 20 maggio al cinema teatro Santa Croce di Berchidda, per Insulae Lab si esibirà Matteo Muntoni col suo “Nur Bisu”. Dopo lo straordinario successo della produzione originale “L’uomo che volle essere Peròn” tocca ad un ospite assai gradito salire sul palcoscenico logudorese. Mente “L’uomo che volle essere Peròn” ancora risuona nella mente del folto e appassionato pubblico che lo scorso 5 maggio ha raggiunto Berchidda, accogliente casa madre del progetto Insulae Lab. Ora è già tempo di tornare in platea e accogliere un altro amato ospite del Centro di Produzione Musica chiamato a salire sul palco del Cinema Teatro Santa Croce di piazza del Popolo: Matteo Muntoni, con il suo “Nur Bisu”.

Il nuovo appuntamento in cartellone, secondo del mese di maggio, è fissato per le ore 21 di sabato 20 maggio. Appuntamento con l’estro e l’opera di un autore interamente dedicata alla Sardegna nuragica, all’indissolubile connessione tra passato e presente, alla persistente forza identitaria del suo popolo. Questo il senso del lavoro in musica di Matteo Muntoni, questo ciò che permea il suo ultimo disco (“Nur Bisu” appunto) uscito per S’ardmusic e distribuito da Egea Music.

Il bassista e la sua squadra

Il bassista, compositore e sound artist sardo sarà accompagnato per l’occasione da Raffaele Pilia, Antonio Pinna, Francesca Corrias e Simone Soro. L’ensemble condurrà l’ascoltare lungo lo svolgersi di un flusso sonoro acustico fortemente ispirato agli antichi culti e misteri della Sardegna, ai riti ancestrali che animavano i siti sacri dell’Isola. Alle suggestioni rimaste vive sino ai giorni nostri, restituendo all’ascolto i tratti di una sonorizzazione immaginaria. “Nur” rappresenta l’intera epopea della Sardegna antica e “Bisu” (sogno) si riferisce alle leggende orali e alle tradizioni culturali. Che caratterizzavano il tempo della vita comunitaria sarda del passato: elementi che diventano entrambi fonte di ispirazione per la creazione di una dimensione quasi onirica.

Sarà possibile inserire l’appuntamento fra le proposte del vostro abbonamento libero sul circuito Ticketmaster. Per biglietti e abbonamenti è possibile rivolgersi anche al botteghino del Teatro, prima di ogni serata. Informazioni al 342 647 6726.

Condividi l'articolo