La diga di Maccheronis raggiunge il livello massimo e inizia a tracimare

La situazione al momento è sotto controllo e monitorata.

È al massimo della sua capienza l’invaso di Maccheronis, e da qualche ora ha iniziato a tracimare così come Pedra Othoni e l’invaso Minghetti in territorio di Lula. Ma è tutto sotto controllo, fa sapere il Consorzio di Bonifica della Sardegna Centrale, che da tre giorni presidia gli impianti assieme a Enas, e tutto il tessuto di canali che portano l’acqua nei campi per verificarne lo stato. Come da prassi, i Comuni a valle hanno provveduto a evacuare le abitazioni che possono correre il pericolo di allagamenti.

Maccheronis è monitorata 24 su 24: era pressoché vuota grazie al piano di laminazione, e si è riempita lentamente, in circa 16 ore, arrivando al massimo della sua capienza (24 milioni di metri cubi d’acqua). Nel 2013 andò diversamente: si riempì troppo velocemente, e questo provocò i danni che conosciamo, con una quantità d’acqua tracimata che gli argini non riuscirono a trattenere.

A monitorare costantemente l’intero comprensorio è un gruppo di dieci tecnici coordinato dal presidente del CBSC Ambrogio Guiso, dall’ingegnere Lampis, dall’ingegnere Bussalai e dal geometra Pittalis, istituito da qualche anno in seno al Consorzio di Bonifica della Sardegna Centrale, che si attiva in caso di eventi estremi come questo per presidiare e monitorare costantemente, con aggiornamenti ogni 15 minuti, l’andamento della situazione, attuando un controllo coordinato sulle infrastrutture del Consorzio, sulla situazione delle dighe in stretta collaborazione con Enas, e sulla situazione nei campi.

Si registrano intanto i primi danni alle condotte nei territori più colpiti. “Si sono verificate delle rotture nella condotta di Sologo in un punto purtroppo per ora non raggiungibile: la rottura si è verificata in mezzo al fiume, per cui finché non torna a livelli ordinari è impossibile intervenire. Inoltre si è verificata una rottura di una condotta in agro di Galtellì. Anche qua è previsto l’intervento non appena finisce l’allerta meteo.

“Di fronte alle drammatiche immagini di Bitti – commenta Ambrogio Guiso, presidente del Consorzio di Bonifica della Sardegna Centrale – non possiamo che esprimere solidarietà alla comunità per il pesante tributo che ha dovuto pagare in termini di vite umane. L’intera struttura del Consorzio di Bonifica della Sardegna centrale è a disposizione per portare il proprio aiuto ad aziende e comunità per un ritorno immediato alla normalità. Sappiamo bene che ciò richiederà del tempo, perché i danni sono ingenti, ma ci sarà tutto il nostro supporto”. 

(Visited 1.782 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!