Ancora razzie sulle spiagge, la preziosa sabbia di Budelli scambiata tra i collezionisti

La sabbia di Budelli su alcuni siti specializzati.

Nonostante una campagna massiccia di comunicazione continuano i furti di sabbia in Sardegna. Un vero e proprio “mercato” di collezionisti che cercano sabbia proveniente da tutto il mondo.

Infatti, come spiega l’associazione Sardegna Rubata e Depredata tra chi depreda le coste della Sardegna non ci sono solo i turisti che vogliono portarsi a casa un ricordo dell’isola rischiando sanzioni da mille euro.

Ci sono anche i collezionisti. “In rete e nei social è un pullulare di gruppi e siti altamente specializzati e molto ben strutturati. In questi frame in particolare un’utente sembra esultare per avere tra le mani finalmente un campione della sabbia rosa di Budelli molto difficile da trovare a suo dire“, spiega l’associazione.

La sabbia di Budelli infatti è tra le più ricercate da questi “collezionisti” che si contattano in privato per scambiarsi la sabbia, incuranti degli illeciti che comporta la sottrazione dalla spiaggia di Budelli.

Condividi l'articolo
Gallura Oggi il quotidiano di Olbia e della Gallura | Notizie da Olbia, eventi in Gallura