Cantieri, lavoro e turismo: cosa dobbiamo aspettarci da questo 2021 a Olbia ed in Gallura

Il 2021 a Olbia e in Gallura.

Speriamo in un anno migliore. L’abbiamo detto tante volte e lo abbiamo ripetuto ancora più convinti nella notte del 31 dicembre appena passato. Da parte di tutti c’era la voglia di mettersi alle spalle quel 2020 segnato dalla pandemia, dalla crisi economica e del lavoro, dal venire meno di tutte le nostre certezze.

Lo ripetiamo questo mantra di speranza, ovviamente senza sapere cosa ci aspetterà l’anno venturo. Ma non per questo non risulta impossibile fare un elenco degli appuntamenti chiave e delle sfide in calendario, almeno per il momento, nel 2021 in Gallura.

Una su tutte le elezioni comunali di Olbia. In primavera terminerà il suo mandato, infatti, il sindaco Settimo Nizzi, che ha già fatto sapere che si ricandiderà. Al momento è l’unica vera candidatura per la città, anche se non sono mancate le prime scintille tipiche da campagna elettorale.

L’anno appena concluso, poi, ha visto Olbia al centro di importanti progetti e lavori. Alcuni di questi dovrebbero vedere compimento proprio nel 2021. Parliamo della riqualificazione del lungomare, di cui abbiamo già potuto avere un assaggio con l’inaugurazione del nuovo monumento dei Caduti in Guerra. I lavori del primo pezzo sono cominciati all’inizio del 2019 e presto vedranno la fine. Poi cominceranno quelli relativi agli altri lotti. Ci riferiamo al progetto denominato Ansa sud, che porterà anche al rilancio del quartiere della Sacra Famiglia e Poltu Cuadu.

Tra i cantieri in dirittura di arrivo ci sono anche quelli della una nuova stazione ferroviaria, i cui lavori stanno volgendo al termine, e del nuovo Polo universitario. L’estate scorsa è stato aperto il cantiere di via dei Lidi, nell’ex SEP, dove troverà posto l’Università del mare e che si affiancherà alla sede in centro storico.

Proseguiranno anche i lavori sulla Sassari-Olbia, che non sarà terminata. Lo scorso anno è stato aperto al traffico il nuovo tratto tra Berchidda e Monti, ovvero i lotti 5 e 6, e si proseguirà con i restanti. Per la strada Abbasanta – Buddusò – Olbia ci sono 14,5 milioni già assegnati alla Provincia di Sassari e potrebbe essere sbloccata la situazione della 4 corsie Olbia-Arzachena. A novembre è stata presentata un’interrogazione parlamentare proprio sullo stato di avanzamento del progetto.

Sul tema dei trasporti il 2020 è stato un anno davvero nero. La messa in liquidazione di Air Italy ha messo in ginocchio centinaia di lavoratori e amplificato le difficoltà della continuità territoriale. Nel giugno di quest’anno si completeranno i licenziamenti dei dipendenti della ex compagnia area sarda, mentre sul tema della continuità territoriale della Sardegna tarda ancora ad arrivare il nuovo bando. Bando quanto mai atteso per il rilancio del turismo, partita sulla quale la Gallura metterà probabilmente la posta più alta per ripartire.

(Visited 1.823 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!