Vaccini, controlli e zona bianca: la strategia per preservare la Gallura dai contagi

La Conferenza territoriale socio sanitaria a Olbia.

Una rete capillare e diretta con il territorio e i sindaci, maggiore comunicazione, un cambio di passo nella vaccinazione e filtri attivi nei porti e aeroporti. Sono questi i punti cardine della strategia illustrata oggi dal commissario della Ares-Ats Sardegna, Massimo Temussi, alla platea dei sindaci riuniti a Olbia  nella Conferenza territoriale socio sanitaria gallurese.

Vaccini per tutti e ristori per le attività: le richieste dei Comuni in zona rossa

“Dobbiamo aggredire  il virus a monte, per questo stiamo riorganizzando i porti e aeroporti dell’Isola, anche se dobbiamo puntare su vaccino o tampone effettuato prima dell’arrivo in Sardegna. Abbiamo raggiunto l’importante obiettivo della zona bianca che dobbiamo diffendere a tutti i costi. Per questo è fondamentale la prevenzione fatta sul territorio  con l’importante coinvolgimento dei sindaci, la  loro solidarietà mostrata in questi mesi  ci ha consentito di garantire la sanità sul territorio, perché  hanno competenza e conoscenza dei loro comuni e dei loro concittadini, per questo avranno un ruolo fondamentale nell’accellerata che daremo ora alla vaccinazione degli over 80″, ha affermato il commissario.

Ares-Ats sta predisponendo in Sardegna dei grandi centri vaccinali, il primo a partire sarà a Cagliari alla Fiera e consentirà di vaccinare migliaia di over 80, a seguira sarà la volta degli altri grandi centri isolani, come Nuoro, Olbia, Sassari, Oristano nei quali al momento, con il coinvolgimento delle amministrazioni comunali, si stanno valutando grandi spazi che consentano l’afflusso,  in sicurezza, di migliaia di cittadini da sottoporre alla vaccinazione.

Alla Conferenza territoriale socio sanitaria, retta dal presidente Roberto Ragnedda, hanno preso parte quasi tutte le amministrazioni comunali, i vertici di Ares-Ats, con il commissario Temussi e il direttore Sanitario Giorgio Carboni, e il commissario Assl Olbia, Franco Logias. “Apprezziamo questo cambio di passo dei vertici della sanità isolana e ci rendiamo disponibili a collaborare con voi per migliorare la qualità dei servizi sanitari dei nostri territori, in primis nella guerra alla battaglia contro il coronavirus per mettere in sicurezza la prossima stagione estiva. Sarà fondamentale la collaborazione tra tutti noi ma allo stesso tempo chiediamo parità di trattamento per tutti i territori. Chiediamo di struttura un sistema sanitario, ospedaliero e territoriale, che sia all’altezza di questo territorio e delle sfide che si appresta ad affrontare”, ha detto a chiusura dei lavori il presidente Ragnedda.

Al momento, per la prossima settimana (il calendario è in costante aggiornamento sulla base degli accordi che vengono di volta in volta raggiunti con  le amministrazioni comunali) è prevista, nella giornata di martedì, su chiamata fatta dagli operatori del Servizio di sanità e igiene pubblica o dalle stesse amministrazioni comunali, la vaccinazuone degli over 80 nei comuni di Olbia, Budduso, Santa Teresa e Oschiri; mercoledì a Berchidda e San Teodoro e giovedì ad Ala’ dei Sardi e Loiri Porto San Paolo. La programmazione del calendario vaccinale
verrà comunicata quanto  prima dalla AsSL e dalle amministrazioni comunali coinvolte: l’obiettivo della Assl è quello di sottoporre alla prima dose del vaccino tutti gli over 80 galluresi nell’arco delle prossime tre settimane.

Note sull'Autore

Gallura Oggi il quotidiano di Olbia e della Gallura | Notizie da Olbia, eventi in Gallura