Treni più veloci e sicuri: gli investimenti della Regione

Al via l’ammodernamento della rete ferroviaria.

Gli investimenti sulla rete ferroviaria messi in campo dalla Regione sono imponenti e riguardano molteplici interventi anche per i collegamenti di Olbia e la Gallura. Viaggiare in treno non deve esser solo una necessità, ma soprattutto deve esser comodo, sicuro e puntuale.

“A partire da quelli previsti dal Patto per la Sardegna siglato con il Governo nel 2016, per cui sono stati destinati oltre 400 milioni di euro alla cosiddetta ‘cura del ferro’, proseguendo con lo svecchiamento totale della flotta Trenitalia. Un lavoro di questa portata non era mai stato realizzato e innalzerà notevolmente gli standard qualitativi e di sicurezza del servizio”, dice l’assessore dei Trasporti Carlo Careddu. Ingenti gli stanziamenti messi a disposizione dalla Regione per il complessivo ammodernamento del parco ferroviario in servizio nell’isola.

LEGGI ANCHE DA OLBIA A SASSARI E GOLFO ARANCI PIU’ VELOCEMENTE

Si conferma così la politica di svecchiamento del parco rotabile sostenuta dalla Regione. Il contratto di servizio pluriennale firmato a luglio 2017 tra Regione e Trenitalia prevede inoltre l’acquisto di 18 nuovi treni diesel: 10 del tipo “Swing”, che saranno consegnati da dicembre 2018 e nel 2019 e 8, di nuova concezione e di maggiore capacità (sino a 300 posti), che saranno consegnati dal primo semestre 2019. A questo si aggiungono ulteriori 90 milioni di investimento destinati ad altri 6 treni. Due “Minuetti” Alstom già operativi sono stati consegnati l’estate dell’anno scorso all’atto della firma del contratto di servizio. I 26 nuovi treni rinnoveranno totalmente la flotta di Trenitalia. 

LEGGI ANCHE ALL’AEROPORTO DI OLBIA SI ARRIVA IN TRENO: APPROVATO IL COLLEGAMENTO

“La ‘cura’ però non deve essere interrotta proprio adesso – continua Careddu – e, come ho avuto modo di spiegare recentemente alla ministra per il Sud Barbara Lezzi, le ferrovie sarde hanno necessità di costanti, ulteriori e decisivi adeguamenti ai modelli europei, anche attraverso la prosecuzione del raddoppio della linea e la valutazione della sostenibilità dell’elettrificazione, temi sui quali le Amministrazioni regionali si spendono da tempo richiedendo maggiori risorse e un complessivo potenziamento del sistema”.

(Visited 187 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!