Viaggio in aereo, come comportarsi con l’animale domestico? Suggerimenti e soluzioni

Gli animali domestici sono veri e propri membri della famiglia, quindi è del tutto normale voler condividere con loro i momenti più gioiosi della nostra vita, come ad esempio le vacanze. Quando bisogna prendere un aereo, però, serve far fronte ovviamente ad una serie di complicazioni, non solo burocratiche. Non è infatti facile capire come comportarsi con il proprio pet, anche per una questione di possibili reazioni improvvise dovute allo stress dell’animale. Ci sono quindi svariati aspetti da tenere in considerazione, ed è il caso di analizzarli insieme qui di seguito.

  • Portare l’animale con sé o spedirlo? Ci sono diversi casi nei quali la seconda opzione è da preferire, ad esempio per le tratte lunghe o quando il pet tende ad innervosirsi. In situazioni come queste è bene affidarsi a servizi specializzati nei trasporti animali come Blisspets ad esempio, affidando dunque le cure del proprio pet ai professionisti del settore.
  • Un secondo consiglio riguarda la decisione di far viaggiare con noi l’animale. Prendere l’aereo vuol dire informarsi prima, e in modo dettagliato, sui regolamenti della compagnia e sulle procedure, in quanto entrambi gli aspetti possono variare da azienda ad azienda. Ed è sempre meglio evitare di farsi cogliere impreparati.
  • Se il cane o il gatto viaggiano con noi, abbiamo la possibilità di rincuorarli e quindi dovremmo sempre fargli sentire la nostra presenza e il nostro odore. Inoltre non deve mai mancare l’acqua, perché gli animali domestici hanno bisogno di una costante idratazione in aereo, insieme ai piccoli snack.
  • Quando si porta un cane o un gatto in aereo, meglio non dargli da mangiare immediatamente a ridosso della partenza, per evitare che l’eventuale nausea possa causargli problemi di stomaco e rigetti del cibo. La regola dice di non dar da mangiare ai cuccioli nelle ultime 6 ore prima del viaggio.
  • Mai programmare una vacanza con il cucciolo prima di aver ascoltato il parere di un veterinario. Un cane o un gatto per poter viaggiare devono essere innanzitutto in buone condizioni fisiche e mentali. Anche lo stress, infatti, non è un buon compagno di viaggio per i cani e i gatti, e gli animali in queste condizioni non sono in grado di affrontare un viaggio in aereo.
  • In stiva o in cabina, il cane o il gatto dovranno restare dentro al trasportino. Per questo motivo, è molto importante che l’animale si sia già abituato alla sistemazione temporanea, quindi sta al padrone addestrarlo in tal senso. Il consiglio di solito è di fargli utilizzare il trasportino come cuccia almeno per una settimana.

Un viaggio o una vacanza non devono assolutamente mettere a repentaglio la salute degli animali, ed è per questo motivo che bisogna affrontare questo momento nel migliore dei modi.

(Visited 151 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!