Forse non tutti sanno che Tempio venne paragonata a Roma e Firenze per i palazzi

Il racconto di Tempio dello scrittore Valery.

Quando lo scrittore Antoine-Claude Pasquin Valery arrivo a Tempio Pausania, alla fine di aprile del 1834, rimase colpito dalla città descrivendone l’architettura come quella di Venezia, Roma o Firenze per il pregio e per l’altezza dei palazzi.

Allora in città, dove si contavano 9.765 abitanti, i balconi erano fatti in legno. Pochi anni dopo, tra 1830 e 1835, le ordinanze obbligarono alla sostituzione dei balconi in legno con delle mensole in granito, detti li passizi. Ciò fu per motivi di sicurezza, emersi nel corso della visita del Re. Oltre a questo fu anche ordinata l’intonacatura delle facciate, poiché ai tempi il granito in vista era contro il decoro urbano.

(Visited 2.502 times, 11 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!