Piano dei litorali, braccio di ferro tra il Comune di La Maddalena e il Parco

Le risposte del Comune alle obiezioni del Parco.

Continua il braccio di ferro tra il Comune di La Maddalena e l’Ente Parco per quanto riguarda l’adozione finale del Pul, il piano utilizzo dei litorali adottato dal Comune lo scorso aprile. Infatti, il 25 luglio scorso si sono svolti, presso la sede della Provincia Olbia-Tempio ad Olbia, gli incontri tra Provincia, Comune, Ente Parco ed Arpas per discutere sulle osservazioni che queste ultime due hanno effettuato sullo strumento attuativo, osservazioni che hanno sollevato una cruciale discussione, che vede come argomenti contrapposti lo sviluppo economico del paese e la tutela dell’ambiente.

Insieme all’assessore all’Urbanistica Annalisa Gulino, erano presenti i funzionari tecnici del Comune, lo studio “Criteria” e i colleghi di maggioranza, l’assessore alle Attività produttive Claudio Tollis e la consigliera delegata al Demanio Emilia Malleo. Puntuali e precise sono state le risposte del Comune alle obiezioni del Parco.

L’assessore Gulino ha, infatti, dichiarato che “Il Pul è un importante strumento di pianificazione delle nostre coste e delle aree immediatamente contigue, può dare tante opportunità di crescita al nostro paese che, ormai, vive quasi esclusivamente di turismo. Ritengo sia stato fatto un buon lavoro e, contrariamente da quanto si possa evincere dalle obiezioni sollevate dal Parco, siamo stati assolutamente attenti e prudenti, consapevoli di quanto sia importante preservare l’ambiente in cui viviamo, per noi e, soprattutto, per le generazioni future, ma questo non significa che non si debbano tenere in altrettanta considerazione le esigenze della comunità che vive in questo territorio e che, sempre più, basa la propria economia sul turismo”.

Anche in relazione alla messe in discussione delle concessioni per le strutture ricettive, adducendo come motivazione la presenza di macchia mediterranea,
la Gulino ha aggiunto: “ Sono convinta che si sia fatto un lavoro assolutamente corretto nella forma ed equilibrato nella sostanza. Vogliamo dare certezze alla comunità e a chi viene a visitare il nostro territorio, non possiamo più attendere oltre, non possiamo lasciare che prevalgano le contrapposizioni politiche. Siamo disposti ad adottare i necessari aggiustamenti ma non faremo un passo indietro rispetto alle decisioni che il Consiglio Comunale ha voluto assumere ad aprile adottando il PUL, perché queste sono le volontà della comunità che noi rappresentiamo e sono certa che, l’Ente Parco, farà le proprie riflessioni ed un passo indietro rispetto alle rigide posizioni che ha finora assunto”.

(Visited 390 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!