L’ultima creatura del versatile D’Angelo, da Olbia fonda il suo Limemagazine

Il progetto di Marco D’Angelo a Olbia.

Mentre la pandemia metteva in ginocchio la maggior parte delle imprese lui ha continuato a lavorare e a sviluppare la sua creatura. Da bambino sognava di occuparsi d’informatica. Il padre l’ha contagiato con la passione della musica e dello spettacolo. Poi è arrivata la voglia di fare comunicazione, approfondendo la grafica, e informazione. La sintesi è il portale www.limemagazine.eu.

Dalla sua base di Olbia Marco D’Angelo, 34 anni, originario di Torino, ma stabilitosi in Sardegna, coordina il progetto che punta a diventare il sito di riferimento per promuovere gli eventi. “Dopo il diploma il mio sogno era  quello di aprire un negozio di computer, venderli e sistemarli. Quel sogno sembrava però troppo troppo lontano e decisi quindi di fare qualcos’altro”, racconta D’Angelo.

Da qui inizia l’esperienza nella musica. “Mio padre era batterista e decisi di seguire le sue orme con la carriera da DJ – prosegue -. Non sono andato nemmeno male considerando che mi sono bastati 2 singoli per arrivare nelle classifiche di Hit Mania e quindi esibirmi in qualche serata a Milano, Torino e in Sardegna”.

Ma non è ancora soddisfatto. Dopo una parentesi come guardia notturna e buttafuori decide di fare il venditore della Folletto e di Telecom. È lì che scopre la sua vocazione per il marketing. “Ho trascorso circa 12 ore al giorno a studiare riuscendo ad ottenere 6 attestati ed 1 master – afferma -. Il mio pensiero fisso rimaneva, però, l’informatica e mi appassionai al giornalismo”. Apre così il blog online chiamato “Informatica e News” e dal 2018 Limemagazine.eu. “Oggi i miei clienti chiedono spesso consulenza, piani marketing strategici. Ma, come si dice, chi va piano va sano e va lontano”, conclude.

(Visited 358 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!