Positivo al Covid e parenti non contattati, Asl di Olbia nel mirino

La situazione coronavirus a Olbia.

Ritardi e negligenze da parte delle strutture sanitarie di Olbia. Lo denunciano i consiglieri di minoranza. Da una parte i tamponi positivi in crescita, dall’altra i laboratori privati non equiparati a quelli delle Ats. Ma non solo. “Conosco casi specifici in cui non sarebbero stati contattati dall’Asl i parenti dei primo grado dei positivi – dice il capogruppo di Coalizione Civica e democratica Gaspare Piccinnu -. Così non hanno potuto fare i test”.

Poi c’è la questione dei ritardi negli esiti dei tamponi. Per questo motivo l’opposizione chiede che sia fatta chiarezza sulla situazione sanitaria a Olbia, chiedendo con una mozione all’amministrazione di Olbia, di sollecitare la Regione. Nel documento si chiede, inoltre, di controllare di più in città chi trasgredisce il decreto riunendo le forze dell’ordine.

Condividi l'articolo
Gallura Oggi il quotidiano di Olbia e della Gallura | Notizie da Olbia, eventi in Gallura