La visita della basilica di San Simplicio si fa multimediale con un collegamento

La basilica di San Simplicio a Olbia.

La visita della basilica di San Simplicio diventa multimediale. Partirà dal 10 luglio il progetto organizzato da due archeologi di Olbia, Marcello Cabriolu e Durdica Bacciu. Il visitatore avrà a disposizione un QR code, che indirizzerà ad un meccanismo multimediale per spiegare il sito archeologico.

A narrare è Marcello Cabriolu, archeologo e operatore del Museum Civitatense – Basilica di San Simplicio, mentre la collega archeologa Durdica Bacciu è coordinatrice responsabile delle visite guidate e della promozione del sito. “Considerata la situazione del covid-19 – spiega l’archeologa Bacciu -, non si poteva toccare nulla o tantomeno trasmettere qualche cosa tramite le mani, quindi si è creata la necessità di segnalare dare offrire al visitatore nel pieno rispetto delle regole covid”.

L’idea è stata concepita anche al fine di eliminare le brochure cartacee, e, quindi, ridurre i rifiuti. A breve il progetto verrà tradotto in diverse lingue, come inglese, francese e tedesco, e inoltre, croato, russo, portoghese, polacco. “Questo in modo che ogni turista abbia la possibilità di scegliere la propria lingua e accedere tranquillamente alla spiegazione della Basilica”, conclude.

Condividi l'articolo
Gallura Oggi il quotidiano di Olbia e della Gallura | Notizie da Olbia, eventi in Gallura