Picchiato con una chiave inglese e rapinato: arrestati i responsabili

Trasferiti nel carcere di Bancali.

Nella mattinata di sabato gli agenti della  squadra mobile della Questura di Sassari hanno eseguito il ripristino di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di P.P. e S.G., due ventenni sassaresi, ritenuti responsabili in concorso tra loro del reato di rapina aggravata e lesioni personali commessa in danno di un cittadino colombiano nel mese di ottobre 2017.

Tale misura è stata riproposta dopo che i due ragazzi hanno trasgredito la misura cautelare dell’obbligo di dimora nel Comune di Sassari con obbligo di permanenza nelle ore notturne, congiunta al divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa a far data dal 22 febbraio. Nei loro confronti gli investigatori avevano raccolto gravi e consistenti indizi di colpevolezza per l’aggressione a scopo di rapina, avvenuta nel centro storico sassarese presso l’abitazione di un transessuale sudamericano, dedito al meretricio.

Gli investigatori, dopo aver sentito il racconto del ferito, che ha riferito di essere stato aggredito da almeno 4 giovani di circa 20/25 anni, si sono concentrati sull’esame dei testimoni, uno dei quali è stato determinante per l’individuazione di due autori, poiché transitava in quella via nel momento immediatamente successivo alla commissione del reato ed è stato quindi in grado di fornire elementi importanti per la identificazione degli autori.

Due dei responsabili erano stati rintracciati presso le loro abitazioni con ancora addosso gli abiti che indossavano al momento dei fatti e con segni evidenti della colluttazione e, accompagnati in questura, uno dei due, dopo aver fornito la sua versione dei fatti, aveva accompagnato gli investigatori a recuperare una chiave inglese, utilizzata per colpire la vittima.

Il giovane transessuale, al quale erano stati assegnati 30 giorni di cure per trauma cranico, frattura composta dell’osso frontale sx interessante il tetto dell’orbita, subito dopo i fatti si era trasferito in altra città della Sardegna.

La misura odierna è stata adottata a seguito di segnalazione delle violazioni delle prescrizioni loro imposte, poiché nella notte del 4 marzo i due sono stati sottoposti a controllo nelle vie del centro storico a seguito di un furto di autovettura del quale, secondo quanto appreso dai testimoni, ed accertato tramite riprese video, il giovane P.P. si sarebbe reso artefice.

La sezione penale del Tribunale di Sassari ha quindi disposto la sostituzione della misura cautelare alla quale è seguito il decreto di esecuzione del ripristino della misura cautelare in carcere, emessa nella giornata di sabato.

I due giovani, rintracciati nelle loro abitazioni, dopo le formalità di rito sono stati accompagnati al carcere di Bancali.

(Visited 101 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!