Il Cagliari vince 2 a 0 contro il Sassuolo e si salva, completo il miracolo – Ranieri, tifosi determinanti – VIDEO

sassuolo Cagliari - Foto Cagliari CalcioIl Cagliari festeggia la salvezza dopo Sassuolo - Cagliari - Foto Cagliari Calcio

Sassuolo – Cagliari 2 a 0, il tripudio rossoblu.

Claudio Ranieri completa il miracolo salvando il Cagliari dopo una stagione di alti e bassi, con una serie di coincidenze che facevano temere il baratro della retrocessione nelle ultime giornate. Una gara perfetta a Reggio Emilia, contro un Sassuolo che non è sembrato rassegnato alla retrocessione. Tifo rossoblù assordante dal primo all’ultimo minuto. Una presenza che ha spinto i rossoblu fino alla fine.

Il primo tempo.

Il Cagliari inizia subito aggressivo, con buon possesso di pallone. Al 5′ Tresoldi svirgola, Lapadula lo supera e finisce a terra, il Var giudica il contatto non sanzionabile con un calcio di rigore. Ranieri invita i suoi a giocare e basta. Il tifo dei tifosi Cagliaritani è fortissimo e sovrasta quello dei tifosi locali. Evidente difficoltà in fase di costruzione del gioco per il Sassuolo, il Cagliari costruisce a testa bassa e butta palloni in area, finora senza successo.

Il Sassuolo si affaccia in area sarda al 14′, ma il tocco di Pinamonti su rimessa laterale si perde sul fondo. Al 21′ ancora il Sassuolo in area, il Cagliari libera in affanno. Al 25′ Pinamonti, di testa, sfiora la rete. Risultato fermo sullo 0 a 0, tanti errori tecnici da entrambe le parti.

Al 31′ azione insistita del Cagliari, Shomurodov riceve in area, ma il suo colpo di testa va altissimo. Possesso insistito del Sassuolo, poi al37′ Lapadula parte in contropiede, riceve un pallone a mezza altezza e calcia al volo dalla trequarti di sinistra, sfiorando la rete. Da diversi minuti il Sassuolo ha più facilità nell’arrivare sulla trequarti avversaria, il Cagliari si affida ai lanci lunghi verso Lapadula. Al 42′ Shomurodov tenta il tiro da fuori, altissimo. Il gioco del Cagliari si vede a sprazzi, ma non decolla. “Ajo”, urla un tifoso dalle tribune: Augello butta il pallone in area dopo una sgroppata, ma la sfera va sul fondo.

Il secondo tempo.

Ballardini vuole vincerla, dentro Defrel al posto di Missori. Ranieri risponde sostituendo Shomurodov con Luvumbo. L’angolano conquista subito un fallo, il Cagliari inizia in avanti e spinge. Luvumbo riceve il pallone in contropiede, ma è indeciso se passarla a Lapadula o tirare, il tiro arriva quando ormai la difesa è in grado di respingere.

Al 57′ il Cagliari riparte in contropiede 4 contro 1, sembra il momento giustonper il vantaggio, ma Nandez sbaglia l’ultimo passaggio. Nell’azione successiva, Lapadula dietro per Zappa, il tiro del difensore è forte, ma centrale, ed è preda del portiere neroverde. Gaetano sbaglia l’ennesimo pallone, come Deiola, che stende Enrique per fermare il contropiede, giallo per lui. Ranieri sostituisce proprio Gaetano con Viola e Deiola con Prati. Il Cagliari sviluppa sulle fasce ma si sente la mancanza di Pavoletti in avanti. Al 65′ Pinamonti sfiora ancora la rete.

Passa il Cagliari.

Al 70′ batti e rifatto in area neroverde, Dossena protegge il pallone e da terra spinge il pallone verso Prati, il tiro del ragazzino della nazionale under 21 passa e gonfia la rete: è la sua prima rete in rossoblú. Esultanza tra i tifosi per lui, che entra nella curva degli spettatori sardi: un tripudio. Il Sassuolo non si arrende, Nandez è l’uomo in più, in tutte le fasi del gioco. Esce uno dei migliori in campo, Augello, entra Obert. All’86’ grande azione di Nandez sulla destra, mette al centro per Sulemana, tiro a botta sicura, ma va fuori di poco. Bisogna soffrire ancora. Esce il migliore in campo, l’uruguaiano Nandez, entra Di Pardo.

All’88 suicidio difensivo del Sassuolo, il pallone arriva a Lapadula che conquista un rigore. Mina battibecco con lo stesso attaccante, vorrebbe tirare lui: il tiro però è dell’attaccante, che va in rete per lo 0 a 2. Nuova esultanza in curva, nuovo tripudio tra i tifosi rossoblu. Adesso bisogna tenere alta la concentrazione. Al 92′ Enrique, il più forte del Sassuolo, un giocatore da alta classifica, viene espulso per proteste. Poi il fischio finale per il tripudio rossoblu. Non si sa se Ranieri deciderà di restare. Ma la partita oggi potrebbe essere il perfetto finale del capitolo “Squadre di club” dell’autobiografia di Claudio Ranieri, una storia incredibile in giro per il mondo che ha un inizio e una fine a Cagliari.

La festa dei tifosi.

Era una missione da vincere quella del Mapei. Sassuolo Cagliari era una partita che poteva determinare la salvezza aritmetica del Cagliari, lo sapeva la squadra e lo sapevano anche i tifosi, accorsi in migliaia a Reggio Emilia. “Partita sofferta, vissuta, goduta, oggi abbiamo meritato, bellissimo incontrare tutti gli amici tifosi del Cagliari da tutta Italia, siamo tutti senza voce”, commenta Igor Sini, presidente del Cagliari Club Berchidda direttamente dal Mapei. Nicolò Deiana, tifoso rossoblùdi Olbia presente alla partita, commenta: “Dopo tanti sacrifici quest’anno finalmente è arrivata la nostra ricompensa, una partita che entrerà alla storia. Sempre forza Cagliari”! Suo il video dei festeggiamenti post partita – vedi sotto -.

“Ci ha salvato Ranieri. Anche oggi cambi perfetti. La squadra è entrata in campo decisa a portare a casa i tre punti. Il mister è riuscito a caricare la squadra nel modo giusto, una squadra propositiva e non di attesa come qualche volta si è vista. Grandissima partita di Nandez e dei due difensori centrali”, commenta Marco Piemonte, dirigente del Porto Rotondo Academy. Alberto Areddu, presidente dello Sporting Club Paduledda si congratula “con la società e sopratutto con “Sir” Ranieri, autore di una splendida promozione e di una salvezza miracolosa. I tifosi sono stati fondamentali, anche oggi sembrava che stessimo giocando in casa”.

Tanti i tifosi della Gallura che hanno seguito insieme la partita a distanza. Tra questi quelli del Cagliari Club Santa Teresa Gallura, che ci hanno inviato un video dell’esultanza al gol di Pavoletti – vedi sotto -.

“Sono ancora in incredulo – commenta Paolo Antonio Vincentelli del Cagliari Club Santa Teresa Gallura. – Oggi è un giorno fantastico per come abbiamo dimostrato di essere una squadra di alto spessore che, nei momenti che contano tira fuori sempre gli attributi e spesso e volentieri porta a casa il risultato che vuole. Naturalmente questa considerazione mi riporta indietro alla “pavolosa“ partita di Bari dove contro tutto e contro tutti il nostro cuore rossoblú ha avuto la meglio. Questa vittoria a Sassuolo ci rende giustizia per i troppi punti persi nell’arco del campionato”.

“Un giudizio su Lapadula – gue Vincentelli – per essersi procurato il rigore e soprattutto per avere detto a Mina, che avrebbe voluto batterlo lui. La realizzazione ha un’importanza devastante in positivo per questo giocatore, che a mio avviso, quando non ha problemi fisici, è un attaccante di pura razza come pochi al mondo ne esistano. Un giocatore che preferisce i fatti alle parole e non ha nessun problema a giocare da prima punta, seconda punta, centrocampista, difensore… Per dirla alla Ligabue: “Finché ne ha”. E’ lui che ci ha fatto salire in grazie al suo record di capocannoniere di serie B, ed anche quest’anno quando ha ritrovato una condizione fisica appena sufficiente, si è sempre dimostrato una spina del fianco per qualunque avversario gli sia capitato”.

“Ultimo pensiero, il più importante, a Claudio Ranieri: uno di noi – conclude Vincentelli -. Come aveva detto Gigi Riva, il nostro leggendario rombo di tuono, che anche con le parole non sbagliava mai”.

Tripudio rossoblu, per festeggioare la salvezza del Cagliari, anche dalla Gallura dei social: “Grande sodalizio, ma più grande l’allenatore”, commenta Vito Frau da Golfo Aranci. “Fa il miracolo di portare il Cagliari in serie A e poi lo salva, non ci sono parole per questo grande uomo, unico in tutto, grazie Ranieri, come te non ne nasceranno più”, commenta Giovanni Muretti da Trinità d’Agultu e Vignola. “Che uomo Ranieri”, commenta Giuseppina Michela Maludrottu da Olbia. Centinaia i “grazie mister“, rivolti al grande allenatore rossoblu.

L’esultanza di tifosi e squadra vista dalle tribune dello stadio Mapei – Video di Niccolò Deiana
L’esultanza al gol di Lapadula nella sede del Cagliari Club Santa Teresa Gallura
Alcuni dei tifosi della Gallura al Mapei
Condividi l'articolo
Gallura Oggi il quotidiano di Olbia e della Gallura | Notizie da Olbia, eventi in Gallura