Basket, Santa Croce irresistibile spirito gialloblù

L’anno zero della gloriosa Santa Croce Basket.

Per la gloriosa Santa Croce Basket Olbia la stagione 2017/2018 sarà l’anno zero. Nelle parole del general manager Marco Da Tome il senso del nuovo progetto: “Vogliamo riportare la gente al Palazzetto sia per le partite della prima squadra che per quelle delle giovanili ricreando lo spirito gialloblù. La conferma del main sponsor “Nivea Lavanderia Industriale” è la base da cui siamo partiti mettendo al centro lo sviluppo del settore giovanile e affidandone la supervisione a Giampaolo Mazzoleni, un allenatore che non ha bisogno di presentazioni. Per lui è un ritorno in società dopo la bellissima esperienza ai tempi della B2.Sarà anche il coach della prima squadra che disputerà il campionato di Serie D, nel quale vogliamo ben figurare valorizzando i nostri giovani con una guida di spessore”.

La Santa Croce si avvale di una struttura costruita con canoni professionistici pur mantenendo il sano sapore del dilettantismo. Gianni Loi è il responsabile tecnico del minibasket e guiderà anche l’Under 13, coach Mazzoleni seguirà i gruppi under 14 e under 16 coadiuvato da Alessio Lai. Grandi aspettative vengono inoltre riposte nel settore femminile la cui direzione è stata affidata a Fabiana Pinna, ex giocatrice di altissimo livello che ha subito mostrato le sue innate capacità nella gestione delle giovani cestiste il cui numero è in costante crescita. Nello staff ben due preparatori atletici: Gianni Mei e Angelo Fiori. Giampaolo Mazzoleni ritorna a Olbia dopo 13 anni con grande determinazione e un palmares da coach di prim’ordine, con innumerevoli titoli regionali giovanili e successi a ripetizione nei campionati di C2 e C1. Nelle sue parole l’entusiasmo per un’avventura che lo coinvolge emotivamente: “Abbiamo iniziato la preparazione a fine agosto e ho avuto sin da subito un’ottima impressione. Essenziale è risultata la cura della parte atletica affidata a Gianni Mei. I ragazzi  hanno recepito immediatamente il mio pensiero mettendosi a disposizione. Siamo già a buon punto”.

Quali gli obiettivi? “Vogliamo disputare un buon campionato. L’idea di vivere questo “anno zero” ci dà grandi stimoli. Abbiamo voglia di cambiare il trend delle ultime stagioni”. Qual è l’idea di gioco? “Partire dalla durezza mentale in difesa per arrivare a sviluppare un buon attacco”. Il roster è molto giovane con un’età media di 21 anni.  “Dobbiamo costruire il nostro gioco con pazienza e con la collaborazione di tutto il gruppo. I più esperti devono far crescere i più giovani che a loro volta devono essere bravi ad apprendere e mettere in pratica. Devono essere consapevoli che hanno una grande opportunità”. La professionalità come base di tutto. “Il lavoro è lo stesso in Serie A e in Serie D. Ci deve essere il rispetto dei compiti e dell’allenatore che dà tanto e pretende il massimo possibile da ciascuno dei giocatori”. Sabato prossimo esordio casalingo in campionato. Alle 19 al Pala Da Tome palla a due con il pericoloso Basket Uri: “E’una squadra molto esperta e tecnica. Dovremo essere bravi a far valere le nostre qualità impedendo loro di giocare come sanno”.

(Visited 262 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!