Calcio, Serie C. Il pareggio con il Livorno sta stretto all’Olbia

olbia calcio livorno

I bianchi recriminano per un pareggio che sta stretto.

Pareggio 1 a 1 per l’Olbia questo pomeriggio al Nespoli contro la corazzata Livorno. L’appuntamento con la vittoria è stato rimandato, e i progressi, alla luce della caratura dell’avversario sfidato a viso aperto oggi, sono evidenti.

Contro il Livorno, davanti al proprio pubblico, i bianchi hanno conquistato il secondo punto stagionale, rimontando ancora una volta l’iniziale vantaggio degli avversari con una reazione caparbia.

A partire meglio è stata l’Olbia, capace nelle prime battute di andare al tiro con Ladinetti al 2′ e di attaccare la porta con Gagliano che al 7′ punta l’area non riuscendo a servire Cocco in buona posizione. Il Livorno non accusa il colpo e lentamente esce dalla propria metà campo. Al 27′ il colpo di testa di Deverlan non inquadra lo specchio. L’Olbia tiene il campo con ordine e al 38′ costruisce una doppia occasione. Il sinistro velenosissimo di Emerson piega le mani di Romboli che si salva in corner sugli sviluppi, il pallone schizza in area verso Cocco, che non trova la deviazione vincente. Sul finale della prima frazione, ancora una palla gol per i bianchi che con il potente sinistro di Gagliano chiamano Romboli al secondo intervento decisivo. 

Nella ripresa mister Canzi modifica l’assetto della squadra inserendo Marigosu per Pitzalis e schierando la difesa a quattro. E l’Olbia va subito vicinissima al vantaggio, quando al 48′ Ladinetti spara alto da buona posizione. Nel momento di migliore presenza dei bianchi, arriva però il vantaggio degli ospiti che affondano sulla sinistra con il tandem MarsuraPorcino, con quest’ultimo che confeziona un assist al bacio per Mazzeo. E’ 0-1 al 65′. L’Olbia però non ci sta e con le forze fresche Udoh e Biancu va in cerca del pareggio. Al 76′, su corner di Emerson, Cocco spizza di testa dal primo palo esaltando i riflessi di Romboli. All’85′ arriva il meritato pareggio. Emerson batte dal vertice destro dell’area amaranto e Cocco di testa spedisce la palla sotto l’incrocio dei pali: 1-1.

C’è tempo per provare a vincere, ci sono anche intenzione e volontà. D’Agostino affonda un paio di volte sulla destra, ma manca la lucidità generale per affondare il colpo. E dopo 4′ di recupero, il signor Longo manda tutti sotto la doccia. Si torna in campo mercoledì a Piacenza. Contro un’altra grandissima squadra. 

Dopo il pareggio interno conquistato contro il Livorno, mister Canzi parla di “bicchiere mezzo pieno”. “Si tratta di un pareggio colto in rimonta contro una squadra forte che dalla cintola in su dispone di giocatori di categoria superiore alla Serie C – afferma il tecnico in sala stampa -. Penso che oggi siamo riusciti a creare tanto davanti, per questo avremmo dovuto raccogliere di più. Il loro portiere è stato molto bravo e ancora una volta abbiamo subito gol nel nostro momento migliore. Per noi è sicuramente un periodo particolare, ma la squadra ha dimostrato di non mollare mai. Per vincere è mancata un po’ di concretezza sotto porta, di cattiveria nel gestire meglio le situazioni offensive propiziate e un pizzico di fortuna non guasta mai. Abbiamo concesso qualcosina nel primo tempo, per questo nella ripresa ho deciso di cambiare modulo inserendo un giocatore come Marigosu tra le linee che ha disputato una buona gara”.

Nel corso della gara l’Olbia è passata dal 3-5-2 al 4-3-1-2, quindi nel finale a un 4-2-4. “Se mi accorgo che qualcosa non va, devo fare in modo di incidere per cambiare. Ho il dovere morale. Nel primo tempo abbiamo faticato in fase di non possesso, per questo siamo a passati alla difesa a quattro nella ripresa, mentre nel finale, con l’inserimento di D’Agostino, abbiamo cercato i duelli sulle corsie esterne per provare a sorprenderli“, dice il mister. 

In chiusura una nota su Cocco, al suo secondo gol in campionato. “Un fattore importante perché gli attaccanti vivono di gol e la loro serenità fa bene alla squadra. Sono sicuro che presto anche le altre punte troveranno la via della rete. Gagliano? Sta giocando con lo spirito giusto”, conclude Canzi. 

TABELLINO
Olbia-Livorno 1-1 | 5ª giornata 

OLBIA: Tornaghi, Pisano, Emerson, Altare, Arboleda, Pennington (71’ Biancu), Giandonato (86’ D’Agostino), Ladinetti (87’ Lella), Pitzalis (46′ Marigosu), Cocco, Gagliano (71’ Udoh). A disp.: Barone, Cadili, Dalla Bernardina, La Rosa, Demarcus, Occhioni, Cossu. All.: Max Canzi.


LIVORNO: Romboli, Parisi, Deverlan (74’ Marie Sainte), Di Gennaro, Porcino, Nunziatini, Agazzi, Haoudi, Marsura, Mazzeo, Murilo (87’ Palleschi). A disp.: Neri, Canessa, Fremura. All.: Alessandro Dal Canto.


ARBITRO: Federico Longo di Paola. Assistenti: Nicolò Moroni e Simone Biffi di Treviglio. Quarto uomo: CLaudio Petrella di Viterbo.
MARCATORI: 65’ Mazzeo (L), 85’ Cocco
AMMONITI: 29’ Pitzalis, 37’ Agazzi, 39’ Ladinetti, 64’ Murilo

Note sull'Autore

Gallura Oggi il quotidiano di Olbia e della Gallura | Notizie da Olbia, eventi in Gallura