Dehors dei locali, a Tempio è partita la rivoluzione

Le verifiche del Comune per le agevolazioni.

Gli esercenti dei locali (bar, tavole calde, ristoranti, pizzerie e trattorie) per offrire il servizio della somministrazione esterna di alimenti e bevande a cittadini e turisti a Tempio hanno dovuto presentare istanza di occupazione del suolo pubblico per il proprio dehors.

Il nuovo regolamento comunale, infatti, per migliorare l’offerta del servizio anche da un punto di vista estetico e dell’arredo urbano, ha imposto l’obbligo di adeguamento delle strutture esposte negli spazi pubblici concessi. Per gli esercenti cui era possibile l’allestimento dei dehor e che necessitavano di investimenti ingenti, il regolamento ha previsto una diminuzione del 30% (in caso di strutture aperte) o del 50% in caso di strutture chiuse.

Ulteriore incentivo previsto dal nuovo regolamento consisteva nella possibilità di disporre di un’ autorizzazione all’occupazione per cinque anni consecutivi, a garanzia della possibile installazione per lungo tempo, senza dover reiterare l’istanza.

“Allo stato attuale è in corso lo studio di un accordo con la Confcommercio – sottolinea il delegato al Commercio Massimiliano Pirrigheddu – finalizzato alla possibile estensione del tempo di occupazione, dagli attuali cinque anni, a dieci anni. In tale modo, chi ha investito in tali impegnative strutture, potrà ammortizzarne meglio il loro costo fino ad arrivare ad un totale azzeramento. Dati i benefici riconosciuti è in programma un’operazione di verifica sul posto per accertare le dichiarazioni fornite al fine di essere ammessi ai benefici previsti”.

(Visited 1.737 times, 13 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!