Manca uno spaccio-bar nel carcere di Tempio per i poliziotti penitenziari

Manca uno spaccio-bar nel carcere di Tempio.

I poliziotti penitenziari della Casa di Reclusione di Tempio Pausania restano ancora senza uno spaccio-bar. Fatto che ha scatenato la protesta dell’Organizzazione sindacale autonoma polizia penitenziaria (Osapp). Una situazione che, se non risolta, potrebbe dar fiato ad una protesta fuori dalla struttura carceraria.

“Da oltre un anno, a seguito di numerose note da parte dell’Osapp, viene promesso l’imminente apertura del bar, spaccio agenti, ma ad oggi i poliziotti della Casa di Reclusione tempiese sono costretti ad usufruire dei soliti distributori automatici – afferma il segretario regionale dell’Osapp, Roberto Melis -. Con una nota sindacale inviata al Provveditore dell’amministrazione penitenziaria, e per conoscenza alla direzione della casa circondariale di Tempio, sollecitiamo l’apertura del bar a favore dei poliziotti”.

Secondo Melis, la situazione va avanti da oltre un anno e, probabilmente, qualcuno continua a temporeggiare incurante del benessere del personale di chi lavora e alloggia nella struttura penitenziaria. Secondo il segretario, inoltre, il personale è quasi esausto e deve accontentarsi dei distributori automatici anche solo per un caffè. Per cercare di risolvere la situazione, si pensa all’organizzazione di un sit-in di protesta davanti alla struttura carceraria di Tempio Pausania.

(Visited 797 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!