Arrivano le sedie dei disabili in comodato d’uso per gli stabilimenti di Arzachena

sedia

Il Comune ha invitato gli operatori a partecipare al bando.

Per rendere la destinazione turistica più accessibile, il Comune di Arzachena ha messo a disposizione delle sedie job ad associazioni di volontariato e concessionari balneari per l’impiego in comodato d’uso gratuito. Lo scorso anno sono state acquistate 6 sedie tramite il settore Servizi Sociali per un importo di circa 5 mila euro.

Tre sono già impiegate fin dall’inizio della stagione estiva: una nella spiaggia di Capriccioli, dietro la gestione della municipalizzata Ge.se.co presso il Centro Servizi, altre due sono state assegnate a concessionari privati attivi nella spiaggia di Mannena che fin dell’avvio dell’iniziativa, lo scorso anno, avevano aderito al bando comunale.

“Alcune concessioni si sono già attivate indipendentemente e contribuiscono a fornire un servizio essenziale per residenti e visitatori con disabilità che desiderano trascorrere una giornata al mare. Inoltre, due imprenditori hanno partecipato al bando comunale fin dalla sua prima pubblicazione, dimostrando grande sensibilità verso il tema – afferma Alessandro Careddu, assessore ai Servizi Sociali -. Oggi, però, considerato che abbiamo ancora tre sedie da assegnare, faccio appello ai concessionari balneari affinché contribuiscano a rendere la destinazione più accessibile e aperta per turisti e arzachenesi”.

“C’è ancora molto da fare per favorire l’accessibilità sui litorali – continua -. Come amministrazione pubblica, cerchiamo di muovere un passo avanti ogni anno nel migliorare i servizi in tal senso. Con le sedie Job speriamo di poter incidere positivamente per rendere più gradevole il tempo trascorso in spiaggia ai bagnati con difficoltà motorie”.

Per facilitare la fruibilità degli arenili, il Comune di Arzachena, tramite l’ufficio Ambiente, ogni anno installa le passerelle in legno in alcune delle spiagge a maggiore affluenza del territorio comunale: Mannena, Tanca Manna, La Conia, Cala Granu, Piccolo Pevero e Grande Pevero.

Condividi l'articolo