Proroga delle concessioni, Federbalneari diffida il Comune di Arzachena

Federbalneari contro la decisione del Comune di Arzachena.

Dura risposta di Federbalneari Sardegna contro i comuni che non hanno prorogato le concessioni al 2033. Oggi giovedì 7 gennaio è stata inviata la lettera di diffida al sindaco di Arzachena, Quartu Sant’Elena, Cagliari, Posada e Olbia.

“La lettera di diffida è la fase finale dell’iter di commissariamento dei Comuni. I commissari sono già pronti a sostituire i dirigenti dei Comuni. Questa è una vittoria contro nessuno. Non è stata una battaglia personale contro un Comune o un Sindaco. Alla Federazione Regionale dei Balneari non interessano queste storie – dichiara il Segretario Regionale Federbalneari Sardegna Claudio Maurelli – . La verità è che da due anni ho cercato di spiegare le motivazioni delle famiglie sarde agli attuali amministratori di tutti i Comuni Costieri”.

“Il 95% ha compreso la bontà delle nostre azioni ed ha seguito le leggi nazionali nonchè la delibera regionale ma il restante 5% dei Comuni ha scelto la via del dissenso. Alcuni Comuni non hanno mai risposto ed eludendo costantemente i tavoli tecnici, hanno solo accelerato questa procedura purtroppo. Inspiegabilmente alcuni Comuni sono andati anche contro i propri Capi di Partito”, spiega Federbalneari.

Grazie alla sintonia tra Federbalneari e la Regione Sardegna, dopo diversi briefing, di cui l’ultimo martedi mattina, con l’Assessore Enti Locali Regionale Avv. Quirico Sanna, siamo convenuti all’atto conclusivo della vicenda e non poco sofferta: commissariare ufficialmente i Comuni Costieri inadempienti. Parliamo di Olbia, Arzachena, Cagliari, Quartu Sant’elena  e Posada. Commissariamento da intendersi nella gestione del demanio marittimo.

“Oggi è pervenuta la lettera ai sindaci in questione e siamo consapevoli che questo è un qualcosa che non si è mai verificato nella storia della Politica Regionale, con questa importanza, peraltro in piena pandemia mondiale. Però siamo anche consapevoli di averle intentate tutte davvero per evitare questa fase finale, avvisando a più riprese gli amministratori locali della Sardegna di seguire le leggi nazionali. Essere il primo caso nazionale in cui una Federazione chiede ed ottiene il commissariamento di enti locali inadempienti, speriamo possa essere un esempio da seguire in tutta Italia”, conclude il presidente.

(Visited 197 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!