Ad Arzachena al via la Stagione teatrale con 8 spettacoli

Una proposta varia per al teatro di Arzachena.

Ha preso il via la Stagione Teatrale 2020 dell’AMA, organizzata da Deamater e con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Arzachena, con il successo di pubblico per la “prima” di martedì, affidata a “La più meglio gioventù”. In totale sono 8 gli spettacoli che ci accompagneranno dal 21 gennaio al 25 aprile, in una proposta teatrale dove trovano spazio i generi e gli interpreti più diversi tra loro. Alcuni grandi nomi, come Paola Maugeri e Andrea Scanzi, che racconterà la figura di Giorgio Gaber. Poi ancora, il teatro shakesperiano, la stand-up comedy, le storie in musica e, in conclusione, l’ultimo spettacolo diretto da Nicolò Columbano, direttore artistico dell’intera rassegna. Per il secondo anno di fila vede luce il teatro nell’auditorium gallurese, che già dallo scorso novembre può contare anche sul servizio di cinema.

“È partita la nuova e molto attesa stagione teatrale che arricchirà l’AMA ed il nostro territorio grazie ad un cartellone di grande interesse – dice in merito Valentina Geromino, delegata comunale alla Cultura -. Arzachena inaugura il 2020 ampliando per varietà e contenuti artistici la sua proposta culturale e continua a puntare sulla qualità degli eventi, che sempre di più rappresentano per tutta la comunità un’importante occasione per condividere momenti di riflessione e di svago oltre a favorire la propria crescita personale. L’augurio è di stimolare una crescente partecipazione e di formare un pubblico sempre più consapevole.”

“In questa stagione, la seconda della gestione AMA, abbiamo attivato diverse possibilità di acquisto, tra cui i carnet che sono flessibili e non nominali con l’obiettivo di far scoprire il teatro a chi non c’è mai stato – spiega Marianna Deiana, direttore generale di DeaMater -. Abbiamo attivato e stiamo attivando diverse partnership sia con enti che aziende che stanno piacevolmente scoprendo che investire  in cultura produce dei benefici solidi e duraturi. Stiamo ancora seminando e lo facciamo con grande passione con uno staff che crede nel progetto e non si risparmia”.

Infine parola al direttore artistico Columbano, che commenta così gli appuntamenti in programma: “La scelta degli spettacoli è mossa dal desiderio di poter fare sempre più dell’AMA una vera e propria casa della cultura, accogliente, aperta alla diversità di opinioni, vedute e temi trattati”.

(Visited 417 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!