Più di tremila piante di cannabis: due arresti e una denuncia a Buddusò

Scoperta una piantagione illegale di cannabis a Buddusò

I carabinieri hanno arrestato due persone e denunciato una terza per una coltivazione illegale di cannabis nelle campagne di Buddusò. In località Miale Casu hanno scoperto 2.388 piante di canapa, alte tra uno e due metri, e poi hanno trovato altre 730 piante in essiccazione. Intorno anche un sacchetto di sementi. C’erano anche seimila metri di tubi per l’impianto di irrigazione a goccia, 600 metri di tubi di portata, una cisterna da 10mila litri, un’autoclave elettrica e documenti sul terreno preso in affitto.

Gli specialisti del distaccamento Nipaaf (Nucleo investigativo di polizia ambientale agroalimentare e forestale) hanno accertato che le piante non erano tracciabili. Le infiorescenze presentavano livelli di thc superiori al consentito. All’operazione hanno partecipato i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile e della stazione di Buddusò, aiutati dallo squadrone “Cacciatori Sardegna” di Abbasanta, dal Nipaaf e dai carabinieri forestali di Sassari. Il blitz si è chiuso con l’arresto in flagranza dell’affittuario del terreno, un 45enne ozierese operaio dell’Ente foreste, e il custode del sito, un 52enne disoccupato originario di Nule. Per il proprietario del terreno, invece, è scattata una denuncia.

Condividi l'articolo
Gallura Oggi il quotidiano di Olbia e della Gallura | Notizie da Olbia, eventi in Gallura