Cani impiccati con il nylon nelle campagne di Budoni: “Quei due giovani non sono i colpevoli”

La replica dell’avvocato dei due giovani denunciati dai carabinieri.

Non sono loro ad avere ucciso i due cani nelle campagne di Budoni. E tanto meno ad averli impiccati. I due giovani di 31 e 35 anni denunciati dai carabinieri dopo la macabra scopera replicano alle accuse.

E per voce del loro avvocato Domenica Porcu, fanno sapere che non è vero che “nel giro di poche ore gli autori del macabro gesto sono stati identificati” e che “i due responsabili rispettivamente di 31 e 35 anni, ritenevano che uno dei due cani avesse azzannato un agnello di loro proprietà e quindi, per vendicarsi, hanno impiccato i poveri cani”.

Orrore nelle campagne di Budoni, cani impiccati con il nylon per vendetta: denunciati 2 giovani

Una ricostruzione completamente falsa. Secondo l’avvocato, “i carabinieri si sono infatti limitati ad avviare indagini per avere trovato due cani morti, che è cosa ben diversa dall’identificazione degli autori del macabro gesto”.

Le due persone identificate dai carabinieri, pertanto, “non hanno ucciso nessun cane, men che meno tramite impiccagione”. I carabinieri di Budoni avevano denunciato all’autorità giudiziaria di Nuoro i due giovani, perchè ritenuti responsabili della morte di due cani, uccisi tramite impiccagione alla recinzione del terreno nell’agro di Budoni con una corda di nylon.

Note sull'Autore

Gallura Oggi il quotidiano di Olbia e della Gallura | Notizie da Olbia, eventi in Gallura