Parte la campagna antinfluenzale in Gallura: tutto quello che c’è da sapere sul vaccino

Le prescrizioni della Assl di Olbia.

Con l’arrivo dei vaccini, parte in Gallura la campagna antinfluenzale della Assl di Olbia. Da questa settimana è possibile sottoporsi alla vaccinazione presso gli ambulatori del Servizio di Igiene pubblica della Assl, dal proprio medico di medicina generale e dai pediatri di libera scelta. Anche quest’anno, a discrezione dei medici, sarà possibile associare la vaccinazione anti-pneumococcica e il vaccino anti herpes zoster.

Il vaccino consente di prevenire nei soggetti sani l’infezione e, spesso, la malattia, e nei soggetti già ammalati le complicanze che derivano dalla nuova probabile infezione virale. Nell’intento di diffondere la vaccinazione nella popolazione e quindi interrompere la catena di trasmissione dei virus influenzali, l’Ats Sardegna ha siglato di recente un accordo con i Medici di medicina generale, volto a creare, attraverso la vaccinazione, una protezione collettiva nella popolazione dell’Isola.

Come affermato nella Circolare ministeriale 31 luglio 2017 “Prevenzione e controllo dell’influenza- raccomandazioni per la stagione 2017-2018”, obiettivi della campagna vaccinale stagionale sono: la riduzione del rischio individuale di malattia, ospedalizzazione e morte e la riduzione dei costi sociali connessi con morbosità e mortalità

La vaccinazione antinfluenzale, secondo le raccomandazioni Ministeriali, verrà offerta gratuitamente alle seguente categorie definite a “rischio”. Per poter effettuare il vaccino è sufficiente presentarsi, muniti di codice fiscale, presso gli ambulatori di Servizio Vaccinale della Assl, oppure recarsi dal proprio Medico di medicina generale o dal Pediatra di libera scelta: per ulteriori informazioni è anche possibile contattare il Servizio Vaccinazioni della Assl di Olbia ai numeri 0789 552197 – 552181 per il distretto di Olbia, 079 678385 – 363 per il distretto di Tempio Pausania.

La Assl di Olbia ricorda alla popolazione alcune buone prassi che rientrano tra “le misure di protezione personale” di prima scelta, utili per evitare la diffusione interumana del virus dell’influenza: lavaggio frequente delle mani, in particolare se contaminate dalle secrezioni respiratorie; buona igiene respiratoria (coprire bocca e naso quando si starnutisce o tossisce, usare i fazzoletti, buttarli se di carta, e lavarsi le mani); isolamento volontario a casa delle persone con malattie respiratorie febbrili; uso delle mascherine da parte delle persone con sintomatologia influenzale quando si trovano in ambienti sanitari, come gli ospedali o ambulatori.

Anche quest’anno, attraverso l’accordo siglato con i medici di medicina generale, l’Ats punta a favorire l’offerta della vaccinazione anti-pneumococcica e anti herpes zoster (anche conosciuto come fuoco di Sant’Antonio, che viene somministrato solo nei centri di vaccinazione della Assl), offerto gratuitamente alle categorie a rischio. Sarà comunque il medico a valutare, caso per caso, le modalità di somministrazione dei vari vaccini.

(Visited 230 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!