La cannabis light è legale? Ecco alcune spiegazioni su questo prodotto

Quello che c’è da sapere sulla cannabis light.

Molte persone fanno fatica a comprendere quali siano le differenze tra la cannabis e cannabis light, ossia tra quello che conosciamo tutti quanti come uno degli stupefacenti più comuni e diffusi al mondo e un prodotto utilizzato soprattutto a scopi terapeutici e legalizzato. 

Probabilmente stai sentendo molto parlare di cannabis e prodotti a base di marijuana poiché diventano legali in sempre più posti, compresa l’Italia. Due composti naturali stanno ricevendo la massima attenzione: CBD e THC. 

La cannabis è una pianta che produce una sostanza densa ricca di composti chiamati cannabinoidi. Ci sono più di cento di queste sostanze chimiche nella cannabis. Causano reazioni simili a farmaci nel tuo corpo.

Il CBD (cannabidiolo) e il THC (tetraidrocannabinolo) sono i cannabinoidi più comuni presenti nei prodotti a base di cannabis. THC e CBD sono sia nella marijuana che nella canapa. La marijuana contiene molto più THC della canapa, mentre la canapa ha molto CBD. 

CBD e THC hanno la stessa formula chimica. La differenza sta nel modo in cui sono disposti gli atomi. Ciò conferisce al CBD e al THC proprietà chimiche diverse e influenzano il tuo corpo in modo diverso. Sia il CBD che il THC lavorano con i recettori che rilasciano neurotrasmettitori nel cervello.

Possono influenzare cose come dolore, umore, sonno e memoria. Come il CBD e il THC influenzano il corpo Il THC è il principale composto psicoattivo della marijuana. È ciò che fa sentire le persone “su di giri”. 

Abbiamo due tipi di recettori dei cannabinoidi nel nostro corpo. Il THC si lega ai recettori, principalmente nel cervello, che controllano il dolore, l’umore e altri sentimenti. Ecco perché il THC può farti sentire euforico e darti quel cosiddetto sballo. Il CBD non causa così alti. Si pensa invece che funzioni con altri elementi del corpo legati a sensazioni di benessere.

Per il resto, queste due sostanze sono molto diverse tra loro. Oltre che la marijuana è illegale, mentre la cannabis light è acquistabile in molti negozi. 

Continua a leggere per saperne di più su questi composti. Sebbene possano avere molto in comune, presentano alcune differenze fondamentali che determinano il modo in cui vengono utilizzati.

Differenze sostanziali tra marijuana e cannabis light

Le persone prendono i prodotti CBD per aiutare con tutto, dall’artrite e dal morbo di Crohn al diabete e alla sclerosi multipla. Alcuni dicono che aiuta con ansia, insonnia e dolore cronico. Finora, ci sono poche prove che il CBD aiuti con uno di questi. Il governo italiano un farmaco a base di CBD. Il cannabidiolo può aiutare per un trattamento utile a diverse forme gravi di epilessia infantile rara. 

Il CBD è un argomento caldo per i ricercatori.  Come parte della marijuana medica, il THC aiuta ad alleviare cose come: 

  • Dolore da sclerosi multipla 
  • Nevralgia 
  • Tremori della malattia di Parkinson 
  • Nausea 
  • Glaucoma

Al contrario, il THC può causare: 

  • Problemi di concentrazione 
  • Vertigini 
  • Vomito 
  • Sonnolenza 
  • Perdita di memoria 

Insomma, la prima sostanziale differenza sta nel fatto che il primo prodotto, il CBD, è prevalentemente un farmaco, mentre il secondo, THC, è uno stupefacente tossico

Nel nostro paese ancora si dibatte sull’argomento cannabis light si o no da molto tempo e purtroppo, come spesso accade, si scontrano in maniera dura due fazioni, due scuole di pensiero e che dimostrano come sia difficile sradicare i pregiudizi su alcune cose, come la cannabis light.

Ci sono ancora alcune persone che pensano che la cannabis light possa essere estremamente pericolosa:in realtà se usata con buonsenso può apportare tanti benefici. Vediamo quali!

Cannabis Light:quali potrebbero essere i benefici?

La cannabis può avere molti benefici per chi la usa sia dal punto di vista dell’uso, definito dagli esperti più ricreativo, che anche terapeutico. Per quanto riguarda l uso ricreativo teniamo presente che la cannabis light ha una soglia di THC davvero minima e quindi non può portare nessun tipo di danno a livello cerebrale e anzi può aiutare anche a dormire bene e a rilassarsi:chiaramente non bisogna esagerare e usarla senza raziocinio e buon senso.

Inoltre molti studi hanno dimostrato che può aiutare persone che soffrono di problemi rilevanti come l’epilessia e non solo. Quindi chi vuole sperimentarla dovrà trovare un growshop o un e commerce sul web:questa ultima è l’opzione preferita da tante persone, che apprezzano la varietà delle opzioni che si possono scegliere.

Note sull'Autore

Gallura Oggi il quotidiano di Olbia e della Gallura | Notizie da Olbia, eventi in Gallura